Firmato il decreto per il Registro Unico

Dopo il via libera della Conferenza Stato-Regioni dello scorso 10 settembre (di cui vi avevamo detto qui) il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, ha firmato ieri il decreto attuativo del Registro unico nazionale del Terzo Settore (Runts). “Si tratta di un passo avanti decisivo per l’attuazione della riforma”, ha commentato il Ministro. Il decreto verrà ora trasmesso alla Corte dei Conti per la registrazione, dopo la quale sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Sempre alla Corte dei Conti è, in attesa di registrazione da fine luglio luglio, anche il Dpcm che dà corpo alla riforma dell’istituto del

Registro Unico del Terzo settore, arriva il via libera dalla Conferenza Stato-Regioni

Lo scorso 10 settembre 2020 la Conferenza Stato-Regioni ha trovato l’intesa sul decreto ministeriale che stabilisce le modalità di iscrizione degli enti e le modalità della tenuta del Registro Unico del Terzo Settore, strumento previsto dalla Riforma del Terzo Settore che dovrebbe garantire maggiore trasparenza e, allo stesso tempo, maggiori certezze per le realtà del mondo del non profit. Ora, quindi, si attende solo il via libera definitivo del Ministero del Lavoro, con la pubblicazione del relativo decreto in Gazzetta Ufficiale entro -o almeno queste sono le intenzioni del Governo- il mese di settembre. Il Registro sarà unico a livello nazionale,

Bonus affitti per il terzo settore

Posted on

Nell’ambito del decreto rilancio (Dl 34/2020)  una serie di misure previste per le imprese sono fruibili anche dagli enti del terzo settore una di queste è il cosiddetto “bonus affitti”. L’art 28 del decreto rilancio prevede un credito fiscale per gli affitti pagati durante il periodo di chiusura forzata delle attività a causa dell’emergenza sanitaria. Il credito è pari al 60% degli importi pagati per gli affitti ad uso non abitativo relativi ai mesi di marzo, aprile e maggio 2020. Il beneficio è fruibile anche per gli enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi

Statuti, bilanci, 5 per mille, donazioni: il “Cura Italia” è legge

Posted on

Nella legge di conversione al decreto importanti novità per il non profit. Previste anche misure di sostegno per i volontari di protezione civile, proroghe per gli enti di protezione internazionale e l’inclusione degli enti religiosi tra i soggetti ai quali è possibile effettuare donazioni per l’emergenza Covid-19  Riprendiamo dal sito di CSVnet l’esaustivo articolo di Daniele Erler La Legge 27/2020, pubblicata ieri in Gazzetta Ufficiale, ha reso definitive le misure disposte dal Decreto legge 18/2020 (cosiddetto “Cura Italia”). Un primo approfondimento del Decreto era stato proposto nell’articolo “Decreto Cura Italia: ecco le novità per il terzo settore”. Di seguito l’analisi delle disposizioni modificate riportate in

ETS e Coronavirus: ecco ciò che si fa in provincia di Modena

Posted on

I CSV dell’Emilia-Romagna, in collaborazione con la Regione, hanno invitato tutti gli Enti del Terzo Settore (ETS) regionali a rispondere ad un questionario, al fine di censire il livello e le modalità di attivazione delle associazioni in risposta all’emergenza Coronavirus e, contemporaneamente, rilevare in che modo i CSV e le istituzioni possano supportare il volontariato, per offrire risposte il più possibile efficaci e coordinate alle esigenze e ai problemi segnalati.  La rilevazione, tramite questionario on line, è stata attiva per 8 giorni, dal 25 marzo al 1 aprile. Complessivamente, a livello regionale hanno partecipato alla rilevazione 1.393 ETS, tra ODV,

51 milioni per il terzo settore, ecco il decreto

Posted on

È stato pubblicato il decreto del ministero del Lavoro e Politiche sociali contenente l’atto di indirizzo 2020 per i progetti finanziati dagli articoli 72 e 73 del Codice del terzo settore. Sono previsti 50 milioni e 960 mila euro in totale, destinati a: progetti di rilevanza nazionale (12,63 milioni); progetti di rilevanza locale (28); contributi per l’acquisto di autoambulanze (7,75); contributi annuali per gli enti associativi (2,85). Il decreto individua gli obiettivi generali, le aree prioritarie di intervento delle iniziative e dei progetti, le linee di attività finanziabili. Il testo completo è disponibile a questo link.

Terzo settore, fatture senza imposta di bollo

Esenzione dal bollo per le fatture degli enti del Terzo settore (Ets) in attesa di chiarimenti. L’articolo 82, comma 5 del Dlgs 117 / 2017 (Codice del Terzo settore o Cts) prevede l’agevolazione per tutti «gli atti, i documenti, le istanze, i contratti, nonché le copie anche se dichiarate conformi, gli estratti, le certificazioni, le dichiarazioni, le attestazioni e ogni altro documento cartaceo o informatico in qualunque modo denominato posti in essere o richiesti» da questi enti. La formulazione è più ampia rispetto all’analoga misura prevista per le Onlus (articolo 27-bis della Tabella allegato B al Dpr 642/1972) e proprio

“Apri la mente”: pubblicati i documenti dell’Assemblea del Terzo Settore

Posted on

Sono stati pubblicati online a fine luglio i materiali presentati durante la prima Assemblea regionale del Terzo settore intitolata «Apri la mente»: il ruolo del volontario nel Terzo settore che cambia svoltasi a Bologna il 18 maggio 2019. Tra questi anche la relazione della nostra Angela Artusi, Referente della Rete empori solidali Emilia-Romagna, e quella di Laura Valentini, Presidente dell’associazione G.P. Vecchi, relativa al progetto modenese Cà Nostra. Clicca qui per andare al materiale presente sul sito della Regione, interamente consultabile e scaricabile.

Statuti: due nuovi instant book sulla riforma del terzo settore

Posted on

Sono online i due nuovi instant book sulla Riforma del terzo settore curati dai Centri di servizio per il volontariato della Lombardia in collaborazione con CSVnet. Dopo i primi 6 usciti nel 2018, l’instant book n. 7/2019 si concentra su Gli statuti degli ETS (Enti  di Terzo Settore) e ha l’intento di offrire “una prima informazione ragionata sulle disposizioni che il Codice del Terzo settore (D.Lgs. 117/2017) ha introdotto in materia di requisiti formali per la stesura degli statuti degli enti che vorranno far parte del Registro Unico Nazionale; il n. 8/2019 si intitola invece Il volontario e le attività di volontariato ed è dedicato a una delle novità fondamentali introdotte dal Codice sull’argomento: la previsione e regolamentazione

Le novità del Decreto Fiscale e della Legge finanziaria per gli enti non profit

Posted on

Le ultime settimane del 2018 hanno portato diverse novità per gli enti associativi e non profit. In questo articolo il collega Daniele Erler, responsabile dell’area giuridico-fiscale del Centro Servizi Volontariato del Trentino, fa il punto in  particolare sulla fatturazione elettronica e sulle modifiche che il Decreto fiscale ha introdotto per quanto riguarda il Codice del Terzo settore. 1) La FATTURAZIONE ELETTRONICA: lo stato dell’arte al 1° gennaio 2019 1.1. Le associazioni con Partita IVA Non si può non partire dall’argomento che ha destato più preoccupazione all’interno del mondo associativo (e non solo), cioè l’entrata in vigore, dal 1° gennaio 2019, dell’obbligo relativo