Pasqua 2021: i volontari di Croce Blu di Modena consegnano il pranzo a domicilio

141

Domenica 4 aprile circa 50 volontari di Croce Blu di Modena consegnano a domicilio il pranzo preparato dallo chef Massimiliano Telloli. Circa 170 le persone destinatarie del pasto segnalate dai servizi sociali di Modena, Caritas Diocesana e Croce Blu di Modena.

In questo anno di pandemia i volontari di Croce Blu di Modena non si sono mai fermati, inventandosi nuovi modi per continuare a sostenere e aiutare in sicurezza le persone in difficoltà.

Ogni giorno l’Associazione si impegna a far sì che nessuno si senta escluso: ma è soprattutto nei momenti di festa che Croce Blu di Modena ribadisce questo proposito a voce alta.

Come per lo scorso Natale, anche per Pasqua i volontari di Croce Blu di Modena consegnano il pranzo a domicilio preparato nella cucina del Ceis in via Toniolo dallo chef Massimiliano Telloli, affiancato da un nutrito numero di volontari, impegnati anche nella preparazione oltre che nella distribuzione.

Domenica 4 aprile saranno circa 50 i volontari e 15 i mezzi impegnati nella distribuzione del pasto, consegnato a circa 170 persone segnalate dai Servizi Sociali di Modena, Caritas Diocesana e Croce Blu.

Un pasto completo quello che verrà distribuito – composto da risotto alle verdure, pollo alla cacciatora con purè di patate, torta cioccolato e pere, colomba, pane, frutta e acqua – ma a fare la differenza sarà soprattutto la generosità, la vicinanza e il calore dei volontari, come afferma la presidente di Croce Blu di Modena Anna Perazzelli: «Purtroppo anche per questa Pasqua non possiamo riunirci tutti insieme come avremmo desiderato, ma nessuno deve sentirsi abbandonato: ecco perché, come lo scorso Natale, anche per questa festività noi di Croce Blu saremo vicino alle persone che vivono momenti di fragilità, distribuendo un pasto completo a domicilio. Un’occasione per ritrovarci, in totale sicurezza e nel rispetto delle normative anti Covid, e per affermare ancora una volta l’impegno di Croce Blu di Modena nel non lasciare nessuno indietro e nessuno solo. Ogni giorno i nostri volontari lavorano con grande generosità per contribuire a rendere la nostra società ancora più accogliente, inclusiva e solidale”.

Il Sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, ha sottolineato il valore sociale dell’iniziativa: “Portare il pranzo di Pasqua a persone in difficoltà ha un grande valore, e significa soprattutto una grande vicinanza della comunità. Torneremo vicini presto, torneremo ad abbracciarci, ma nel frattempo la generosità dei volontari di Croce Blu combatte la solitudine e insieme al pasto caldo, di grande qualità grazie allo chef Telloli, porta un sorriso”, spiegando: “Mentre la pandemia ci costringe ancora a mantenere le distanze fisiche, il valore della nostra comunità contribuisce a ridurre quelle sociali e ci accompagna tutti verso una Pasqua di speranza”.