Difendiamo i diritti umani: sagome itineranti per Patrick Zaky

73

Arci Modena e i suoi circoli partecipano alla campagna di sensibilizzazione accogliendo la sagoma dello studente in un percorso a tappe sul territorio

Arci Modena prosegue la mobilitazione per chiedere la liberazione immediata di Patrick Zaky, lo studente dell’Università di Bologna arrestato al Cairo il 7 febbraio 2020.

Le sagome che raffigurano l’attivista egiziano con la scritta “Freedom for Patrick Zaky”, disegnate dall’artista Gianluca Costantini, inizieranno il loro percorso a tappe dalla sede di Arci Modena (via IV Novembre 40/L), in cui è stata data la massima visibilità a una delle sagome, posizionata davanti alla porta di ingresso per accogliere tutti coloro che entrano.

Arci Modena, da sempre impegnata nella difesa dei diritti umani, aderisce a questa campagna di solidarietà per mantenere viva l’attenzione sulla vicenda dello studente, detenuto ormai da più di un anno con l’accusa di propaganda sovversiva. Arci e suoi circoli partecipano a questa mobilitazione per far sentire a gran voce la richiesta di liberazione attraverso un segno tangibile sul territorio.