Formigine – Progetti di pubblica utilità svolti dai beneficiari del reddito di cittadinanza

E’ stata approvata all’unanimità, all’interno della Giunta comunale tenutasi online lo scorso giovedì sera, la delibera relativa alla predisposizione dei progetti di pubblica utilità. I PUC – Progetti Utili alla Collettività saranno svolti da persone che rientrano in nuclei familiari beneficiari del reddito di cittadinanza.

L’erogazione del medesimo si lega infatti alla dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro, nonché ad un percorso personalizzato di accompagnamento all’inserimento lavorativo e all’inclusione sociale secondo le modalità ed i requisiti indicati ai fini della realizzazione del ‘Patto per il lavoro’ e del ‘Patto per l’inclusione sociale’, come approvato dal D.L. di gennaio 2019. Il beneficiario è tenuto ad offrire quindi la propria disponibilità per la partecipazione a progetti utili alla collettività in diversi ambiti nel comune di residenza.

L’amministrazione comunale di Formigine ha stilato una lista che spazia dalle tematiche sociali a quelle culturali, artistiche, ambientali, formative e di tutela dei beni comuni. In particolare i progetti si dividono in quattro macrogruppi: ‘Ami-amo gli animali’, legato all’accudimento degli animali presenti nel canile e nel gattile del territorio, attività di pulizia dei box ed educazione al volontariato; ‘Biblioteca comunale’ per archiviazione, sistemazione ed altre attività di miglioramento del servizio, in attesa di conferma; ‘CuriAmo la nostra città’ per la cura del verde, attività di pulizia delle aree e potenziamento iniziative ambientali; ed infine l’ipotesi della ‘Ricognizione per inventario comunale’ con la finalità della conoscenza e partecipazione alle attività dell’organizzazione comunale.

Il numero di ore a disposizione sarà calcolato in base alle disponibilità, per un totale settimanale non inferiore a otto ore ed aumentabili fino ad un massimo di sedici ore complessive con il consenso di entrambe le parti. Gli oneri relativi all’attivazione dei PUC saranno sostenuti con l’utilizzo delle risorse del ‘Fondo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale’ con il concorso delle risorse afferenti al Programma nazionale Inclusione stanziato nel bilancio dell’Unione del Distretto Ceramico.