Modena – Tragitti, “Insieme per il pianeta” tra incontri e riflessioni

Venerdì 2 e sabato 3 ottobre all’Ex Macello di Modena torna “Tragitti – Itinerari di inclusione sociale” a cura di associazioni, enti e istituzioni. Eventi su prenotazione

Insieme per il Pianeta, prende il via da questo appello per la sua difesa la seconda edizione di “Tragitti – itinerari di inclusione sociale”, che torna al Comparto Ex Macello di Modena venerdì 2 e sabato 3 ottobre per una due giorni di conferenze, laboratori per grandi e piccini, mostre, musica, sport, film e cibo. “Together for Earth” vuole essere un appello socialmente attivo e positivo per sottolineare l’impegno degli organizzatori nella difesa dei diritti umani, della pace e nel rispetto dell’ambiente.

L’obiettivo è continuare a tenere alta l’attenzione sul cambiamento climatico, offrire riflessioni e ricercare soluzioni collettive e alternative, nella convinzione che questo impegno non possa che passare dalle azioni dei singoli atraverso più partecipazione, democrazia e attenzione. Il festival, che ha il patrocinio del Comune di Modena, è promosso da Aliante Cooperativa Sociale, Arci Modena, Associazione Idee in circolo, Circolo Culturale Left Vibra, Club Alpino Italiano sezione di Modena, Legacoop Estense, Uisp Modena in collaborazione con: Chico Mendes Cooperativa Sociale, CSV Terre Estensi, Distretto Economia Solidale, Città di smeraldo, Fucina Buenaventura, Gulliver Cooperativa Sociale, La Lumaca Cooperativa Sociale, Magico Mundo, Rete Economia solidale, Social Point, con il sostegno di Coop Alleanza 3.0. Nel rispetto delle attuali linee guida per il contenimento del Covid-19, diversi eventi sono su prenotazione (si può accedere attraverso la pagina Facebook Tragitti e si consiglia di prenotare con anticipo).

Si parte venerdì 2 ottobre alle 17.00 con il “Dum Dum Lab”, laboratorio di percussioni per bambini e genitori con posti limitati a dieci coppie (iscrizione a associazioneideeincircolo@gmail.com), alle 17.30 apertura del festival con Alessandra Filippi, assessora all’Ambiente e alla Mobilità sostenibile del Comune di Modena e inaugurazione della mostra “Il richiamo della foresta – in ricordo di Chico Mendes” con l’intervento di Giorgio Prampolini, vicepresidente di Fairtrade Italia e Sabrina Fiorini, responsabile della comunicazione della Coop Chico Mendes. In contemporanea, laboratori per bambini e famiglie con giochi antichi, laboratori, letture, street art, disegni e fantasia a cura di Magico Mundo. Alle 18.00 incontro con Stefano Mancuso, botanico, accademico e saggista italiano, che parlerà di “Planet Revolution” con Francesca Tamascelli di Legacoop Estense. Evento realizzato con il sostegno di Coop Alleanza 3.0. A seguire dall’aperitivo alla cena con i borlenghi e le crescentine di Ozzy il borlengaio missionario e alle 21.00 proiezione del film “Antropocene – L’epoca umana” diretto da Jennifer Baichwal, Edward Burtynsky e Nicholas de Pencier. Dalle 22.30 alle 24.00 musica e djset a cura del Vibra, entrambi gli eventi serali sono a ingresso gratuito riservato ai soci Arci.

Si prosegue sabato 3 ottobre, alle 10.00, con l’assemblea pubblica “Ri_generi_a_mo socialità” con la partecipazione di Sergio Ansaloni (Windsor Park), Giorgia Silvestri (Happen), Alessia Casoli (Lo Spazio Nuovo) e la presenza degli assessori e assessora del Comune di Modena Roberta Pinelli (Politiche sociali, Accoglienza e integrazione, Agenzia casa); Andrea Bortolamasi (Cultura, Politiche giovanili, Città universitaria); Andrea Bosi (Lavori pubblici, Manutenzione e decoro della Città, Centro Storico, Politiche per il Lavoro e Legalità), coordina Sara Manzoli, Aliante Cooperativa Sociale. Alle 15.00 il laboratorio “La dolcezza delle api”, i bambini incontrano l’apicultore Luca Serri, a cura di Associazione La Città di Smeraldo. Dalle 16.00 alle 19.30 Tragitti Street Culture Party con Street Basket, Mini Tennis, Percorsi di equilibrio fra i tronchi, Street Bike, Free Skate e laboratori per bambini e famiglie dalle 17.00 alle 19.00 con “Riciclo&riuso: cosa può diventare un Tetrapak?” a cura di Fucina Buenaventura e “Street Art – dipingiamo il Mondo!” a cura di Magico Mundo. Alle 17.00 si parla di “Cambiamenti climatici e migrazioni: il diritto oltre la frontiera” con Valerio Calzolaio, giornalista e saggista, autore di “La specie meticcia”, “Ecoprofughi” e “Libertà di migrare”; Francesca Santolini, giornalista esperta di temi ambientali cura la rubrica di ambiente a Unomattina, collabora con La Stampa e Elle, autrice di “Profughi del clima. Chi sono, da dove vengono, dove andranno”; Paolo Bonasoni, responsabile dell’Osservatorio climatico CNR a Monte Cimone, Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima, Consiglio Nazionale delle Ricerche. Coordina Francesco De Vanna, ricercatore del CRID – Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazioni e vulnerabilità e referente del progetto “Osservatorio migranti”. Alle 19.00 dall’aperitivo alla cena con i borlenghi e le crescentine di Ozzy il borlengaio missionario, musica e djset a cura del Vibra. Alle 22.00 “Rumba de Bodas” live set a ingresso gratuito riservato ai soci Arci. Il festival verrà anticipato, mercoledì 23 settembre alle 18.30 a Lo Spazio Nuovo, dall’evento “L’acqua al tempo del cambiamento climatico”, con Corrado Oddi (Forum Italiano Movimenti  per l’Acqua); Gabriele Romani (Medicina Preventiva ISDE Modena); Alessandra Filippi (Assessora all’Ambiente del Comune di Modena); Rossella Caci (Associazione Città di Smeraldo). L’incontro è introdotto da Lucia Fornieri (Associazione Idee in Circolo) ed è coordinato da Mauro Solmi (Legambiente Modena).