A Camposanto, la decima edizione di Quadricromie dedica un murales a Lucia Sarzi

Posted on

Giunge nel 2020 alla decima edizione la rassegna di muralismo Quadricromie che vedrà all’opera tra il 24 e il 29 agosto l’artista comacchiese Riccardo Buonafede sulla facciata delle scuole medie E. Gozzi.

Il soggetto dell’opera sarà la storica figura di Lucia Sarzi, attrice, partigiana e camposantese di adozione, nel centenario della sua nascita. Nota in particolare per la sua collaborazione con la famiglia Cervi nel corso della Resistenza, Lucia Sarzi si trasferì a Camposanto dopo la guerra, dove proseguì il suo impegno politico a livello locale.

La manifestazione, inizialmente prevista in occasione delle celebrazioni legate al 25 aprile, è sostenuta dalla Fondazione Famiglia Sarzi e da ANPI Camposanto e ANPI Modena, che hanno abbracciato con entusiasmo la proposta di commemorare questa donna che consacrò la propria vita all’arte e all’impegno antifascista. Inoltre, la scelta della parete delle scuole medie ha lo scopo di avvicinare le nuove generazioni alla storia di chi come Lucia, poco più che adolescente, mise a repentaglio le proprie sicurezze per contrastare le ingiustizie del fascismo.

L’artista selezionato per la realizzazione dell’opera è Riccardo Buonafede, con cui Associazione Fermata 23 APS e Quadricromie hanno già avuto l’occasione di collaborare per la creazione di un murales sul Palazzetto dello Sport di Mirandola. Le opere di Riccardo sono caratterizzate dall’enfasi dei caratteri anatomici dell’essere umano, concentrandosi in particolare sulle luci e sulle ombre che definiscono le forme. Tutto ciò si sovrappone spesso a uno sfondo eccentrico e dettagli colorati che allontanano le sue opere dall’arte tradizionale e le avvicinano a una posterizzazione pop.

L’opera va ad aggiungersi alle decine di murales realizzati dal 2009 nel corso della rassegna Quadricromie, che contribuiscono a rendere il Comune di Camposanto un vero e proprio museo a cielo aperto, meta ogni anno di molti appassionati di street art da tutta Italia.

Per il mese di settembre, è previsto inoltre un secondo intervento a Finale Emilia, che si affiancherà all’opera realizzata per Quadricromie 2019, presso la sede di Mani Tese, dall’artista Seba Mat.

La rassegna è promossa dall’associazione Fermata 23 APS, attiva da oltre 14 anni sul territorio camposantese nell’ambito della promozione sociale, della musica e dell’inclusione giovanile, in collaborazione con Khora Lab ETS, nuova realtà che si occupa, tra le altre cose, di rigenerazione urbana attraverso processi di partecipazione.

Quadricromie 2020 gode del sostegno dell’Amministrazione Comunale di Camposanto, del patrocinio della Regione Emilia-Romagna e della Provincia di Modena e del contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola, ARCI Modena, ANPI Modena e della filiale camposantese di Smurfit Kappa.

NOTA: l’iniziativa si svolgerà nel rispetto delle normative sanitarie vigenti, chi intendesse assistere alla manifestazione dovrà rispettare le misure previste in materia di distanziamento e indossare la mascherina.