Convertito in legge il Decreto rilancio. Le misure per il Terzo Settore

Posted on

Nella gazzetta ufficiale del 18 luglio 2020  è stata pubblicata la Legge 17 luglio 2020, n. 77: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, recante misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Nella legge di conversione confermate alcune importanti misure applicabili anche al mondo del terzo settore:

  • l’accesso al contributo a fondo perduto per gli enti non commerciali che esercitano attività commerciale in via non esclusiva né prevalente, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti (sono esclusi gli enti non commerciali in possesso del solo codice fiscale, non svolgenti alcuna attività commerciale)
  • il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro, prevista dall’art. 120 del Decreto Rilancio fino ad una spesa massima di 80.000,00, misura accessibile anche per gli enti non commerciali che svolgano solo attività istituzionale e pertanto senza partita iva
  • il credito d’imposta per spese relative alla sanificazione e all’acquisto dei dispositivi di protezione individuale in misura pari al 60 per cento delle spese sostenute nel 2020 (anche prima del 19 maggio 2020, data di entrata in vigore del Decreto Rilancio), ed il limite massimo del credito è di 60.000 euro misura accessibile anche per gli enti non commerciali che svolgano solo attività istituzionale e pertanto senza partita iva
  • il credito di imposta per i canoni di locazione (disciplinato dall’art. 28 del Decreto Rilancio) pari al 60 per cento degli importi pagati per gli affitti ad uso non abitativo relativi ai mesi di marzo, aprile, maggio 2020 misura accessibile anche per gli enti non commerciali che svolgano solo attività istituzionale e pertanto senza partita iva.

Tutti i benefici che prevedono un credito d’imposta prevedono si la possibilità di fruirne direttamente che di cederlo

Altra importante novità prevista dalla legge di conversione del Decreto Rilancio è quella relativa alle agevolazioni fiscali per coloro che voglio eseguire ristrutturazioni di immobili (cosiddetto “ecobonus”, disciplinato dall’art. 119 del Decreto), che viene esteso agli enti del Terzo settore (quindi ad Odv, Aps ed Onlus) ed alle associazioni e società sportive dilettantistiche per beni di loro proprietà.