Modena – La Riforma del Terzo Settore: il 6 marzo notai, avvocati e dottori commercialisti ne discutono

Presso la Camera di Commercio il convegno promosso dall’associazione ‘Modena Giustizia’ sugli strumenti giuridici e gli aspetti fiscali

Con Terzo Settore si intende indicare tutti quei soggetti anche molto diversi tra loro come onlus, organizzazioni non governative, associazioni e cooperative che forniscono, senza scopo di lucro, una serie di servizi che né il pubblico né il privato sono in grado di soddisfare, e che hanno a che fare soprattutto con i campi dell’assistenza sociale, sanitaria e dell’istruzione: secondo l’ultimo censimento Istat del 2011 si tratta di 300 mila organizzazioni in Italia, con 64 miliardi di entrate e circa 6 milioni di persone coinvolte.

Nel 2016 è stata approvata la Legge delega per la riforma del Terzo Settore, con l’intento di riordinare un ambito dell’attività sociale vasto, articolato e complesso. Da allora si è aperta una fase di transizione, necessaria sia, dal versante legislativo, a dare attuazione ai criteri stabiliti nella legge del 2006, sai ai vari enti per adeguarsi a quanto stabilito: di tutto questo discuteranno Notai, Avvocati, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili nel corso di La riforma del Terzo Settore: strumenti giuridici e aspetti fiscali, il convegno di studi promosso dall’associazione ‘Modena Giustizia’, che riunisce i tre Ordini professionali, che si svolgerà venerdì 6 marzo a Modena, dalle ore 15:00 alle 18:00, presso la Sala Leonelli della Camera di Commercio, al civico 134 di via Ganaceto.

Tra gli interventi, anche quello del Notaio Gianluca Abbate, Consigliere del Consiglio Nazionale del Notariato con delega al Terzo settore. Il pomeriggio sarà inoltre arricchito da alcune testimonianze dirette ed esperienze concrete portate dalle associazioni, come quella di Erika Coppelli di ‘Aut Aut’ e di Lidia Castagnoli di Legambiente.

Questo il commento di Flavia Fiocchi, Roberto Mariani e Stefano Zanardi, rispettivamente Presidenti dei Notai dell’Emilia-Romagna, dell’Ordine degli Avvocati e dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Modena: “Iniziative come queste evidenziano come le professioni che abbiamo l’onore di rappresentare siano elementi fondamentali del vivere sociale, perché fonti di indispensabile supporto a tanti ambiti della comunità, tra i quali quello del no profit, che in Italia, e nel nostro territorio in particolare, riveste un’importanza decisiva in termini di sussidiarietà e solidarietà, senza il quale saremmo un Paese ben più povero, in molteplici sensi. Mettere la nostra esperienza tecnica al servizio di chi fa del bene rappresenta evidentemente uno tra gli aspetti più stimolanti e gratificanti delle nostre professioni, e per questo siamo lieti di promuovere una giornata di approfondimento che potrà essere utile anche alle associazioni del territorio”.

La partecipazione è libera e gratuita, aperta a tutti, sino all’esaurimento dei posti disponibili.

Per ulteriori informazioni consultare i siti internet www.consiglionotarilemodena.it, www.commercialisti.mo.it, www.ordineavvocatimodena.it e la pagina Facebook Notai dell’Emilia-Romagna.