Modena – “Più alberi in città”: in arrivo altre 50 nuove piante

Posted on

Partite questa settimana le piantumazioni di alberi e arbusti vinti dai cittadini modenesi, che continuano a recarsi nelle 4 stazioni ecologiche cittadine per portare i loro rifiuti. Un’abitudine che fa bene al portafoglio, grazie agli sconti sulla TARI previsti per chi mette in atto questo comportamento, e all’ambiente.

Prosegue, a Modena, l’iniziativa di forestazione urbana promossa dal Gruppo Hera in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e, proprio in questi giorni, è in atto la messa a dimora di 50 nuove piante, che vanno ad affiancarsi alle 120 già collocate nel Parco Chinnici, che anche grazie a questa iniziativa sta compiendo la sua trasformazione.

Dall’ultima piantumazione, avvenuta a marzo 2019, ad oggi, sono stati più di 5.000 i “nuovi utenti” – ovvero quelli cittadini che da oltre un anno non si recavano presso una delle quattro stazioni ecologiche della città – che hanno portato i propri rifiuti differenziati presso Calamita, Magnete, Archimede o Leonardo.

Così facendo, hanno contribuito ad assegnare alla città altre 100 piante. Di queste, una cinquantina sono appunto destinate alla grande area verde compresa tra via Chinnici e via Borsellino, a pochi passi dalle scuole Mattarella, mentre per le restanti il Comune di Modena sta valutando varie aree di destinazione.

Il patrimonio arboreo della città si arricchirà dunque di 24 aesculus carnea e di 6 liquidambar styraciflua, nomi dal sapore antico che corrispondono rispettivamente all’ippocastano rosso (carnea) e allo storace americano. Completano la piantumazione di questi giorni anche una ventina di cespugli ornamentali.

Gli interventi sono realizzati in questo periodo per assecondare i ritmi delle fasi vegetative delle piante, così da assicurarne il migliore attecchimento.

“Nonostante l’iniziativa giunga al temine del suo secondo anni di vita – osserva Paolo Paoli, responsabile dei servizi ambientali di Hera nel Comune di Modena – continuiamo ad osservare una buona affluenza, che ha permesso di raggiungere ancora una volta il traguardo che ci eravamo prefissi. Grazie a questo risultato non solo il Parco Chinnici diventerà ancora più verde, ma continua la diffusione, presso i modenesi, della buona abitudine di recarsi con regolarità alla stazione ecologica per conferire quei rifiuti che non hanno una destinazione dedicata nelle raccolte stradali o porta a porta”.

“Anche attraverso iniziative come questa contrastiamo il fenomeno degli abbandoni – continua Paoli – il degrado e, ovviamente, i costi che esso produce. A questo riguardo, mi preme ricordare che i cittadini possono usufruire delle stazioni ecologiche in modo assolutamente gratuito; anzi: il conferimento di molte frazioni di raccolta differenziata genera uno sconto sulla TARI.

Tutti i dettagli dell’iniziativa sono disponibili sul sito www.ilrifiutologo.it/alberimodena.