Dopo i Fridays arrivano i Saturdays for Future

Tags:

Se i giovani di “Fridays for future”, che si sono mobilitati in tutto il mondo per il clima, convincessero le proprie famiglie a fare la spesa in modo più responsabile? Questa l’idea alla base dei “Saturdays for future” la nuova iniziativa dell’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (Asvis).

Ogni sabato, simbolicamente il giorno successivo agli scioperi degli studenti lanciati in tutto il mondo da Greta Thunberg ma anche quello che gran parte delle persone dedica alla spesa settimanale, diventerà una giornata di impegno e sensibilizzazione, per cambiare i modelli produttivi e le abitudini di acquisto dei cittadini. Cioè quanto previsto dal Goal 12 dell’Agenda Onu 2030 sottoscritto nel 2015 da 193 paesi, Italia compresa.

A lanciare l’iniziativa dei “Saturday for future” sono stati il presidente di Asvis Enrico Giovannini ed il presidente del comitato scientifico di Next Leonardo Becchetti.

La data scelta per la prima giornata di mobilitazione è sabato 28 settembre, subito dopo il prossimo sciopero globale degli studenti.

Esiste poi un sito dedicato alla campagna, che mette a disposizione anche materiali utili quali gli appuntamenti proposti da associazioni, imprese, botteghe del commercio equo e solidale e altre organizzazioni per costruire un calendario in continuo aggiornamento. Fino al 28 settembre infine sarà inoltre disponibile gratuitamente il corso e-learning dell’Asvis sull’Agenda 2030, utile soprattutto per i docenti che vogliono utilizzare i “Saturdays for future” per una formazione “sul campo”.