Ricerca sul cancro: grazie ad una donazione a Modena una macchina super innovativa

Posted on

Si chiama analizzatore di esosomi/microvescicole. Un nome all’apparenza complesso che indica un’apparecchiatura in grado di analizzare il “pulviscolo” che le cellule disperdono nel sangue alla ricerca di “tracce” di tumori o virus. Infine, questo “pulviscolo” può essere utilizzato anche come veicolo di diffusione di un farmaco antitumorale. Una strumentazione all’avanguardia, la prima di questo tipo nel nostro Paese, è frutto di una donazione di 80.000 euro di Giorgio Armani Operations – sede di Modena, grazie al supporto di ASEOP, l’Associazione per il Sostegno dell’Oncoematologia Pediatrica a Modena. La nuova strumentazione è stata installata nei Laboratori di Ricerca del Dipartimento Materno – Infantile del Policlinico di Modena.

“È con immenso piacere – ha esordito il prof. Giorgio De Santis – che a nome del Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche Materno Infantili e dell’Adulto oggi assistiamo all’installazione presso i laboratori della neonatologia di questo importante strumento generosamente donato dalla GA Operations che servirà come piattaforma di studio degli esosomi, componenti cellulari di notevole rilevanza per la ricerca oncologica e non solo. Si tratta per altro della prima strumentazione del genere installata in Italia, a conferma dell’elevata qualificazione scientifica che il Professor Dominici e tutto il team materno-infantile hanno raggiunto nel settore della oncoematologia pediatrica.”

La strumentazione donata rappresenterà una piattaforma di studio per gli esosomi all’interno delle attività di ricerca dei ricercatori Modenesi rappresentando anche un volano di innovazione diagnostica e terapeutica nella Regione.

Il nostro intervento come associazione di genitori – ha spiegato Erio Bagni, Presidente di ASEOP – era fondamentale per mettere in evidenza l’importanza delle nuove terapie cellulari. Il lavoro svolto dall’equipe del prof Dominici, che teniamo a ringraziare, si prefigge l’obiettivo di offrire migliori prospettive di cura con effetti collaterali meno invasivi: un traguardo irrinunciabile per tutti i nostri piccoli pazienti. Il nostro più sentito grazie va anche, naturalmente, alla Giorgio Armani Operations, per essere stati al nostro fianco con la consueta generosità anche in questa occasione”.

Un ringraziamento speciale alla sensibilità dei nostri colleghi della sede di Modena – ha affermato Stefano Orsi, Direttore Polo Industriale GA – che, grazie al loro contributo, ha permesso l’acquisto di questa importante strumentazione a favore della ricerca sulle cellule staminali come nuova strategia di cura per i tumori infantili