Davide Bellei: il volontariato è fatto di emozioni e sentimenti

«Oltre rappresentare un aiuto prezioso per i nostri ragazzi, questo gesto riveste per noi un significato davvero importante, perché ci fa capire concretamente che, ad anni di distanza, c’è chi, anche molto lontano, non ci ha dimenticato».

di Laura Solieri

È con queste commosse parole che Tito Capriccioli, presidente dell’A.S.D. Amatrice, ha commentato la donazione di 85 kit sportivi che gli sono stati consegnati nelle scorse settimane da una delegazione del Club Giardino di Carpi.

Il direttore del Club Giardino Davide Bellei racconta che la spedizione ad Amatrice ha lasciato un segno indelebile in ciascuno dei partecipanti: «Insieme a me c’erano altri quattro soci del Club Giardino – spiega Davide – Abbiamo vissuto due emozioni contrastanti: immensa gioia nel vedere la felicità dei bimbi quando hanno indossato le nuove divise che gli abbiamo donato e, al tempo stesso, grande tristezza nel vedere una meravigliosa città che non esiste più! Tutto è fermo al 24 agosto 2016: quando fai l’ultima curva per immetterti sul viale principale trovi l’esercito e macerie ovunque, come se fosse successo ieri… Il racconto che più ci ha impressionato, è stato quello del presidente dell’A.S.D. Amatrice che ci ha raccontato, con le lacrime agli occhi, di quanto è stato fortunato nel non aver subito perdite umane all’interno della propria famiglia.

Abbiamo percepito, dalle sue parole, quanto sia pesante il fardello della responsabilità di ridare ai bambini di Amatrice una parvenza di vita normale, partendo proprio dalle attività sportive». Bellei è socio del Club Giardino dalla fine degli anni Settanta e ne è diventato il direttore a settembre 2004.

Come ha ricordato il presidente del Club Carlo Camocardi, la recente spedizione ad Amatrice si colloca sulla scia di quella sensibilità sociale che ha sempre caratterizzato il Club Giardino, dimostrando come iniziative di solidarietà possono andare di pari passo con svago e divertimento.

In questi anni, sono state tante le azioni di solidarietà da parte del Club Giardino, e quella che Davide racconta con maggiore intensità risale al 2012 «quando, in occasione del terremoto, abbiamo ospitato per diversi giorni decine di famiglie di soci e non solo, che hanno potuto dormire in tenda all’interno dei nostri spazi all’aperto e usufruire delle varie strutture messe a disposizione per l’occasione. Un periodo di straordinaria solidarietà che ci ha uniti tutti, come mai si era verificato prima.

Per me, praticare solidarietà significa donare agli altri, al fine di aiutarli in un momento di bisogno – sostiene Davide – Il volontariato insegna alle persone che quello che si riceve in cambio, sotto forma di emozioni e sentimenti, è più che proporzionale a quanto si è donato.

La soddisfazione più grande di questi anni di attività è sicuramente quella di essere riusciti a ristrutturare tutti i nostri immobili e i nostri impianti esistenti e a crearne dei nuovi, come per esempio il Centro Fitness e il Golf Practice Centre, fornendo a tutti i nostri soci e tesserati dei servizi di altissima qualità e trasformando il Club in un’eccellenza del territorio carpigiano e non solo».