Il nuovo consiglio direttivo di Porta Aperta Modena

Posted on

Si è insediato il nuovo consiglio direttivo dell’associazione Porta Aperta: rinnovato per il prossimo biennio l’incarico di presidente a Luca Barbari, affiancato dai vicepresidenti Franco Messora e Gianpaolo Ronsisvalle. Gli altri componenti del consiglio sono: Carolina Bondi, Alberto Caldana, Claudia Canepone, Paolo Guidetti, Lucia Pirazzoli, Giuliano Venturelli. Collegio dei probiviri: don Giacomo Aprile, don Germain Nzinga Matiku, Maria Elisabetta Vandelli. Collegio dei garanti: Giuseppe Bove, Francesca Pecorari, Matteo Montorsi.

Il rinnovo delle cariche avviene in un anno significativo per Porta Aperta, quello del quarantennale. “Si tratta per noi di un’occasione importante, che evidenzia i tratti di un’associazione in cammino. Porta Aperta è una carovana variopinta, dove i volontari prestano la loro insostituibile opera di servizio gratuito, che comprende anche il governo dell’ente, supportati da un gruppo di operatori capace e motivato – dice il presidente Luca Barbari – Siamo una comunità di donne e di uomini a caccia di perle preziose: coloro che per la società sono poveri e diseredati, per noi sono ricchezze da servire.

La nostra associazione opera da 40 anni per contrastare la povertà, le diseguaglianze e le discriminazioni perché sono quegli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona e la sua effettiva partecipazione alla vita politica, economica e sociale del Paese. I numeri e le storie di Porta Aperta raccontano di legami che si creano o si rafforzano, fragilità che si attenuano, autonomie che si conquistano, insieme alla consapevolezza che ciascuno ha bisogno dell’altro”.