GIOVANI, IMPEGNATI E PARTECIPATIVI: IN REGIONE IL CELEBRATION DAY DI CHI HA SCELTO IL VOLONTARIATO

Presenti all’evento organizzato dalla Regione più di cento ragazzi tra gli oltre 2.400 hanno fatto il Servizio civile in Emilia-Romagna e gli altrettanti che hanno scelto i 218 progetti di volontariato in ambito ambientale, artistico, culturale, educativo, informatico, sociale e sportivo della YoungERcard

Non hanno dubbi. Sono tutti sono convinti che il servizio civile e l’attività di volontariato svolta siano state per ognuno di loro esperienze utili e straordinarie di impegno e partecipazione sociale. A pensarla così gli oltre cento ragazzi che lo scorso 16 dicembre nella sede della Regione, a Bologna, hanno partecipato all’edizione 2016 del “Celebration day”, la giornata organizzata dall’amministrazione regionale e dedicata ai giovani dell’Emilia-Romagna che si sono impegnati in esperienze di solidarietà e aiuto verso gli altri.

Per il secondo anno consecutivo, ad accoglierli sono stati il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, che li ha premiati per le attività svolte tra il 2015 e il 2016, la vicepresidente e assessore al Welfare, Elisabetta Gualmini, e l’assessore Cultura, Politiche giovanili e Politiche per la legalità, Massimo Mezzetti.

Ma ai ragazzi che hanno occupato i banchi dell’Aula dell’Assemblea legislativa regionale si aggiungono i molti che si sono impegnati sul campo: sono infatti 2.437 i giovani che, soltanto nel 2015, hanno partecipato al Servizio civile in Emilia-Romagna: 589 al servizio civile regionale e 1.848 al servizio civile nazionale.
Per quanto riguarda la YoungERcard, da quando è stata lanciata dalla Regione Emilia-Romagna, sono invece 2.407 i ragazzi tra i 14 e i 29 anni che hanno aderito a uno dei 218 progetti di cittadinanza attiva promossi in ambito ambientale, artistico, culturale, educativo, informatico, sociale e sportivo. In Emilia-Romagna sono 35.602 i possessori della YoungERcard.

“Un campo infinito di occasioni per entrare in contatto con situazioni, e emozioni, che non dovrebbero mancare nel bagaglio di cultura civica di nessun cittadino. In particolare – afferma il presidente Bonaccini – il servizio civile è uno degli ambiti sui quali abbiamo puntato maggiormente a partire dal nostro insediamento, perché rappresenta un’opportunità di formazione per i giovani ma anche un sistema che valorizza e riproduce lo spirito civico, la solidarietà e la coesione sociale che caratterizzano il nostro territorio, un patrimonio che va difeso e alimentato”.

“La giornata di oggi, la partecipazione in continua crescita di tante ragazze e tanti ragazzi ai progetti di protagonismo giovanile legati alla YoungERcard, al Servizio civile e alle altre iniziative che come Regione Emilia-Romagna sosteniamo con i bandi legati all’educazione alla cultura della legalità e alla promozione della Memoria del Novecento- sottolinea l’assessore Mezzetti– ci confermano un dato importante: le giovani generazioni vogliono impegnarsi, concretamente, per la comunità in cui vivono, per la ricostruzione e il consolidamento dei legami sociali in un’ottica sempre più intergenerazionale e interculturale. Questa loro voglia di essere cittadini attivi e consapevoli è una ricchezza per tutti”.

Servizio civile e YoungERcard: come funzionano

Il servizio civile è una opportunità per i giovani italiani, comunitari e non comunitari regolarmente soggiornanti, di età compresa tra i 18 e i 28 anni, di scoprire attitudini e sviluppare competenze, partecipando a progetti in settori come assistenza, ambiente, educazione, beni culturali, protezione civile. In Emilia-Romagna le opportunità raddoppiano. Le ragazze e i ragazzi dai 18 ai 29 anni, domiciliati o residenti in Italia, senza distinzione di cittadinanza, possono infatti aderire ai progetti proposti nell’ambito del servizio civile regionale. Al di sotto dei 18 anni, i ragazzi possono aderire ai progetti del servizio civile regionale per minori.  Per il prossimo triennio le risorse del Fondo regionale del servizio civile sono confermate in 600 mila euro all’anno.

La YoungERcard è la carta ideata dalla Regione Emilia-Romagna per i giovani di età compresa tra i 14 e i 29 anni residenti, studenti o lavoratori in Emilia-Romagna. La carta è distribuita gratuitamente presso i punti locali individuati dagli Enti locali, e riserva ai titolari una serie di agevolazioni per la fruizione di servizi culturali e sportivi (come teatri, cinema e palestre) e sconti presso numerosi esercizi commerciali. Inoltre, invita i suoi possessori a diventare Giovani Protagonisti, ovvero a investire parte del proprio tempo e del proprio impegno in interessanti progetti di cittadinanza attiva. ILa carta è distribuita localmente dalle amministrazioni comunali, tramite Informagiovani, biblioteche, centri di aggregazione ed uffici comunaliOgni ora di volontariato svolto vale un punto e al raggiungimento di 20 e 80 punti si ha diritto a dei premi.