GIOVANI: STOP A DISAGIO E BULLISMO. ARRIVANO FONDI PER I PROGETTI

Posted on
Fondi dalla Regione per progetti ad hoc. per prevenire abbandono scolastico, isolamento, disagio, dipendenza dai social e ludopatia. Finanzieranno progetti realizzati da associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato, coop sociali, oratori e parrocchie. Aperti i primi bandi
Dalla Regione Emilia-Romagna arrivano nuove risorse per gli adolescenti e i giovani: 1 milione e 950 mila euro, tra 2017 e 2018, che saranno destinati, attraverso quattro distinti bandi, a finanziare su tutto il territorio regionale progetti di sostegno ai ragazzi tra gli 11 e i 24 anni di età. Fondi a cui va aggiunta la compartecipazione finanziaria, circa il 30% dell’importo complessivo, da parte delle realtà coinvolte nella promozione e realizzazione dei progetti: organizzazioni di volontariato, coop sociali, associazioni di promozione sociale, oratori e parrocchie.
Tra le tante iniziative che potranno essere messe in campo, rientrano ad esempio i “Doposcuola”, spesso organizzati dagli oratori parrocchiali, gestiti da volontari (insegnanti in pensione, studenti universitari) per aiutare i bambini a svolgere i compiti; laboratori artistici o musicali, oppure campi formativi sulla protezione civile, con lezioni ed esercitazioni di antincendio boschivo, radiocomunicazioni, soccorso sanitario.
E mentre alla sola Città Metropolitana di Boogna, tramite il progetto “I grandi assenti del welfare” verranno erogati in due anni 750 mila euro, 600 mila euro saranno a disposizione di tutte le altre province per realizzati da soggetti privati (associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato, cooperative sociali, oratori e Enti ecclesiastici) a favore della fascia di età 11-24 anni. Per questo bando le domande sono già aperte.
Si tratta di un bando che la Regione aveva già finanziato per sette anni consecutivi (2009-2015) e che ora ripropone, con maggiori risorse del passato, riservandolo a tutte le province con esclusione di Bologna, in quanto beneficiaria dei fondi provenienti dalla Fondazione. Sono oltre 580 i progetti sostenuti nelle edizioni precedenti, che hanno consentito di avviare o rafforzare le attività nell’ambito dell’offerta educativa per il tempo libero: si va dalla promozione di forme di aggregazione (scoutismo e oratori) a iniziative di sensibilizzazione per l’educazione tra pari, che incentivano i ragazzi a interagire e a sostenersi tra loro. Il bando “Giovani generazioni” è confermato anche per la primavera 2018 con un finanziamento di ulteriori 600 mila euro.
I progetti dovranno riguardare azioni di carattere socio-educativo per: migliorare i contesti e gli stili di vita dei ragazzi e il sistema delle loro relazioni con i coetanei e familiari; sviluppare le loro potenzialità; educarli alla legalità, al rispetto per l’altro, ad essere aperti alla diversità e ad esercitare i diritti di cittadinanza.
Le domande dovranno essere presentate alla Regione Emilia-Romagna entro le ore 13.00 del 7 giugno 2017 (trentesimo giorno successivo alla pubblicazione sul B.U.R.E.R.T. dei bandi).