XI EDIZIONE PREMIO MARCO BIAGI: ECCO I PREMIATI MODENESI

Posted on
Giovedì 16 marzo nell’Aula Marco Biagi de il Resto del Carlino a Bologna si è tenuta la cerimonia conclusiva dell’undicesima Edizione del Premio Marco Biagi – il Resto del Carlino per la Solidarietà Sociale, nel quindicesimo anniversario dell’uccisione del giuslavorista bolognese per mano dei terroristi delle Nuove Brigate Rosse (19 marzo 2002).

“La morte non vince chi vive nella fama”. E’ con un verso di William Shakespeare che il direttore di QN – il Resto del Carlino Andrea Cangini, dopo un minuto di silenzio e di raccoglimento, ha aperto la cerimonia conclusiva dell’undicesima edizione del “Premio Marco Biagi – Il Resto del Carlino per la Solidarietà Sociale”.  “La statura di Biagi è ormai riconosciuta in modo unanime e le polemiche di un tempo sono state finalmente superate – ha proseguito il direttore – in nome di una doverosa distinzione, purtroppo non sempre chiara a tutti, fra l’uomo e le idee che egli professa”. E’ stato il pensiero avanti sui tempi dell’autore del Libro Bianco, infatti, a costargli tragicamente la vita, in un clima di violenza politica che il nostro Paese non si è mai messo del tutto alle spalle. “Prova ne siano – ha concluso Cangini – le recenti vicende di Napoli, con un esponente politico al quale si voleva impedire di parlare, dell’Università La Sapienza di Roma e, in casa nostra, degli atti violenti compiuti da alcuni collettivi universitari a Bologna”.

La parola è poi passata al Professor Stefano Zamagni, docente di Economia Politica all’Università di Bologna e alla Johns Hopkins University, il quale ha dichiarato – “Questo premio non è importante solo per rinverdire il ricordo di uno studioso insigne, ma possiede un profondo valore simbolico, perché contribuisce a diffondere la conoscenza di atti virtuosi”.

Sono ormai passati undici anni dal 2007 quando il Resto del Carlino ha ideato e istituito, con il benestare e il favore della Famiglia Biagi, il Premio Marco Biagi – il Resto del Carlino per la Solidarietà Sociale. In questi anni il Premio è rimasto fedele al duplice obiettivo di ricordare e onorare Marco Biagi, giuslavorista e servitore dello Stato, vittima della follia omicida del terrorismo e, nel suo nome, di dare un sostegno a quanti, in forma volontaria e senza scopo di lucro, si adoperano per l’assistenza di persone e categorie svantaggiate, con particolare attenzione ai giovani, alla loro formazione e al loro avviamento al lavoro. Giorno dopo giorno il Premio è cresciuto tra i cittadini e nelle istituzioni dei territori di Bologna, Cesena, Ferrara, Forlì, Imola, Modena, Ravenna, Reggio Emilia e Rimini. Grazie ai contributi di singoli, enti, associazioni e aziende, con l’edizione di quest’anno, il Premio ha superato la soglia dei 500.000 euro elargendo fino ad oggi riconoscimenti per un valore di 537.500 euro a ben 245 associazioni che operano nel territorio per aiutare il prossimo.

Ecco i nomi dei premiati modenesi
3.000 ASSOCIAZIONE ITALIANA SCLEROSI MULTIPLA
2.000 ASDAM ONLUS
2.000 ASSOCIAZIONE G.P.VECCHI PRO SENECTUTE ET DEMENTIA
1.000 ASSOCIAZIONE ONLUS LA PÌCA GIARDINO BOTANICO
1.000 IL MANTELLO COOPERATIVA SOCIALE A RL
1.000 LE LUCI DI COMETE ONLUS