SCUOLA-LAVORO: UNA GIORNATA INTENSA PER DUE STUDENTI MODENESI…

Posted on

L’alternanza scuola-lavoro mette in contatto gli studenti degli istituti modenesi con le realtà, anche di volontariato, del territorio. Ecco le storia di due di loro… Lo scorso 12 ottobre grazie alla nuova norma di alternanza scuola lavoro, noi due studenti del Liceo Scientifico A. Tassoni di 3°G e 3°F, insieme all’associazione “Comitato Anziani Orti San Damaso Sant’Agnese” e ad alcuni ragazzi stranieri aderenti al progetto Mare Nostrum, abbiamo trascorso la mattinata a ripulire l’are aintorno al Policlinico di Modena da spazzatura di piccola dimensione. Tutti insieme abbiamo raccolto quasi quindici sacchi di spazzatura in tre ore, e dopo aver finito,

CARPI NON SPRECA: COMBATTIAMO LA POVERTÀ. INSIEME

Posted on

L’idea è una di quelle che ci piace, perché ha il sapore della sostenibilità, della solidarietà e della gratuità. Carpi non spreca, progetto condiviso da Comune, Unione delle Terre d’Argine, Caritas diocesana e associazione Porta Aperta di Carpi, si pone l’obiettivo di recuperare ciò che è ancora utile per poi donarlo a chi ha bisogno. Ergo: meno sprechi, meno rifiuti, meno inquinamento, più cibo, più salute, più sostegno alle fasce fragili della cittadinanza. di Jessica Bianchi Il progetto Carpi non spreca, nato nel 2007 per trasformare lo spreco alimentare in recupero di generi di prima necessità da destinare a famiglie

A MODENA 10 FAMIGLIE “WELCHOME” OSPITANO RIFUGIATI

Posted on

Sono una decina le “famiglie WelcHome” a Modena, famiglie cioè che, aderendo al progetto WelcHome nato dalla partnership di mondo del volontariato, associazionismo, terzo settore e assessorato al Welfare del Comune di Modena, si sono rese disponibili ad ospitare in casa propria un rifugiato per un periodo di circa sei mesi, in un percorso di ospitalità condiviso e guidato. Domani la loro testimonianza raccontata in un evento pubblico. Martedì 18 ottobre alle 20.30 nella sala Manifattura della Fondazione San Filippo Neri, in via Sant’Orsola 52, dopo i saluti dell’assessora al Welfare Giuliana Urbelli, due famiglie che hanno aderito al progetto