SISMA IN CENTRO ITALIA, BOOM DI DONAZIONI DEL SANGUE A MODENA

L’Avis cittadina ha registrato cento donazioni in più nell’ultima settimana di agosto rispetto alla media dello scorso anno. Altrettante le richieste da parte dei cittadini per diventare donatori. Un ringraziamento ai modenesi da parte dei consiglieri per questa nuova prova di solidarietà.

Cento donazioni di sangue in più nella ultima settimana di agosto rispetto allo scorso anno e ancora cento aspiranti donatori già in lista per gli esami di idoneità a donare. E’ la risposta della sola città di Modena alle notizie del terremoto in Italia Centrale.

Il presidente dell’ Avis comunale di Modena Livio Bonomi insieme a tutti i consiglieri ringrazia i cittadini modenesi per aver ancora una volta trasformato in fatti il loro dichiarato impegno ad aiutare chi si trova in difficoltà.

La sezione modenese dell’Avis ha inoltre deliberato di destinare un contributo alla sede Avis di Amatrice, alla quale Modena è legata da tempo da un rapporto di amicizia che si è sviluppato in questi anni attraverso scambi e visite reciproche.

Una curiosità: se la solidarietà si misura anche dalle “colazioni” a cui hanno diritto i donatori dopo aver offerto il loro sangue, ecco un po’ di dati che arrivano dal bar della sala prelievi di Modena. Nell’ultima settimana di agosto due interi prosciutti e 120 paste e 3 kg di gnocco al giorno. Anche questi sono i numeri della solidarietà.