PARALIMPIADI: 11 GLI ATLETI IN PARTENZA PER RIO DALLA NOSTRA REGIONE

Sono in partenza per Rio de Janeiro i 12 atleti con disabilità nati o residenti in Emilia-Romagna, che dal 7 al 18 settembre parteciperanno alle Paralimpiadi.

Sette uomini, cinque donne. Il più giovane, lo schermidore Emanuele Lambertini, 17 anni; il più ‘grande’, Alex Zanardi, ne compirà 50 a ottobre.
La delegazione più numerosa per provincia è quella di Bologna (cinque), città in cui vive anche la portabandiera azzurra, la velocista Martina Cairon, e il tennista Fabian Mazzei.

“Adesso è il vostro turno- dice in una lettera il presidente Stefano Bonaccini, che il 9 settembre sarà a Rio per l’avvio dei giochi- ci attendiamo l’impegno, la passione, la precisione e la forza dimostrati dai vostri colleghi olimpici, ma anche l’emergere di quei sentimenti più profondi che vi portano a partecipare a questa edizione”.

Casa Italia Paralimpica
Con un investimento di 30mila euro, la Regione Emilia-Romagna, unica in Italia, ha deciso di sponsorizzare Casa Italia Paralimpica, la struttura dove dal 7 al 18 settembre soggiornerà la delegazione azzurra ai prossimi Giochi paralimpici di Rio de Janeiro. Casa Italia non è stata realizzata, come avviene normalmente, in una grande albergo. È infatti ospitata in una parrocchia, quella della Imaculada Conceiçao, una realtà che conta circa 25 mila famiglie. La struttura è ora attrezzata per accogliere, a Paralimpiadi concluse, progetti di integrazione e di avviamento allo sport per i ragazzi con disabilità del luogo. Oltre alla parrocchia dell’Imaculada Concepción sono coinvolte anche altre due parrocchie, quelle di San Gerardo in Olarie e Nossa Senhora da Guia a Lins, che riceveranno un aiuto per integrare lo sport per disabili in progetti già avviati in accordo con il Cip. Casa Italia Paralimpica sarà inaugurata il 6 settembre con una cerimonia ufficiale. Il presidente Stefano Bonaccini sarà a Rio con il sottosegretario Luca Lotti dal 9 al 12 settembre, in concomitanza con l’avvio della Paralimpiade.