CÀ NOSTRA: IL PROGETTO DI COHOUSING PER ANZIANI CONTINUA A CRESCERE

Posted on
ALICe Modena ha donato 500 euro a Ca’ Nostra, la prima esperienza italiana avviata a Modena di coabitazione che coniuga la centralità della domiciliarità con la cura e il bisogno di socialità di ospiti e familiari

ALICe Modena, Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale, ha effettuato una donazione di 500 euro a favore di Ca’ Nostra, progetto coordinato dall’Associazione Servizi per il Volontariato di Modena avviato nelle scorse settimane a Modena, precisamente in un appartamento messo a disposizione del Comune di Modena in via Matilde di Canossa, dove tre anziani (un quarto in arrivo) affetti da Alzheimer vivono in compagnia delle assistenti familiari.

“Abbiamo seguito con molto interesse il percorso che ha portato all’avvio di questo progetto – spiega Milena Cavazzuti, presidente di ALICe che insieme ad altre numerose associazioni di volontariato locali ha collaborato alla realizzazione di Ca’ Nostra – La nostra donazione è destinata a soddisfare i bisogni della casa che via via si stanno individuando. Crediamo fortemente nel potenziale di questa esperienza di cohousing e riteniamo possa essere di interesse in futuro anche per le famiglie delle persone con Ictus che si rivolgono alla nostra associazione”.

In questi giorni, all’interno del programma Scambio Erasmus di CSVnet, il Coordinamento nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato, i Csv di Bari e Milano sono stati ospiti del Csv di Modena che ha presentato loro i propri progetti innovativi di contrasto alla povertà e alle situazioni di vulnerabilità socio-economica tra cui Ca’ Nostra.