LA RISPOSTA DI PORTA APERTA AL BLITZ DI UN GRUPPO DI SKINHEADS

Posted on
Al blitz di un gruppo di skinheads che nei giorni scorsi ha realizzato un atto dimostrativo attaccando cartelli ai muri di Porta Aperta riportanti frasi in contrasto con l’operato del volontariato e la gestione dei profughi, l’associazione Porta Aperta, per definizione e di fatto aperta al dialogo e al confronto, lancia una proposta

“Skinheads, perché non venite a fare un po’ di volontariato da noi? Potrete dal vivo, e collaborando, informarvi sulla realtà delle cose, contribuendo a scrivere quella cronaca dei fatti di cui vi vantate di essere al corrente. Per il resto, andiamo avanti tranquilli, ringraziando il Comune, la Diocesi e tutti i nostri volontari per la vicinanza che sempre riconoscono al nostro lavoro”.

Porta Aperta ha avvertito le Forze dell’Ordine e ribadisce con forza di essere una realtà che accoglie tutti: “E’ la nostra missione, e sì, siamo favorevoli all’accoglienza e a riconoscere i diritti di tutti. Lo pensiamo e l’abbiamo anche scritto e votato nel nostro documento programmatico lo scorso 29 aprile in occasione dell’assemblea dei soci, documento consultabile sul nostro sito” dicono dall’associazione.