BANDO SCUOLA E VOLONTARIATO, TEMPI TROPPO STRETTI: CSVNET CHIEDE UNA PROROGA

Posted on
Il presidente Stefano Tabò scrive ai Ministeri dell’Istruzione e delle Politiche Sociali e alla Presidenza del Consiglio, che hanno stanziato 470 mila euro per progetti di promozione del volontariato per gli studenti. “Il termine fissato è penalizzante”.

“Chiediamo di riconsiderare la scadenza del bando – Laboratori di cittadinanza democratica condivisa e partecipata – al fine di favorire una concreta e ampia partecipazione”. È quanto chiesto da Stefano Tabò, presidente di CSVnet, con una lettera indirizzata ai vertici del Miur, del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dip. della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, rispetto all’innovativo bando per la promozione del volontariato nelle scuole.

L’iniziativa mette a disposizione 470 mila euro per le scuole che, in partnership con le organizzazioni di volontariato e di terzo settore e con i Centri di Servizio, intendono realizzare progetti di promozione del volontariato per gli studenti.
Ma i termini del bando, reso noto il 13 aprile e la cui scadenza è fissata alle ore 23.59 del 28 aprile, non consentono i tempi necessari per un’adeguata stesura dei progetti. “Il termine fissato risulta oggettivamente penalizzante” –sottolinea il presidente di CSVnet- Eppure gli obiettivi del bando sono “di assoluto valore”, perché danno spazio a quella collaborazione tra istituzioni scolastiche e mondo del volontariato che, da tempo, promuoviamo”.

Il presidente di CSVnet fa riferimento alle oltre 17 mila iniziative di promozione e orientamento al volontariato che i CSV, solo in un anno, sono capaci di realizzare in tutta Italia, come si evince dall’ultimo Report annuale. Attività in grado di coinvolgere oltre 158 mila studenti, 4.440 studenti e 1.478 istituti scolastici.

Il bando era stato annunciato sabato scorso dalla ministra dell’Istruzione Stefania Giannini e dal sottosegretario al Lavoro e alle politiche sociali, Luigi Bobba, durante il convegno “L’importante è partecipare: i cittadini di domani” organizzato dal Festival del Volontariato di Lucca e a cui aveva preso parte anche CSVnet.

“Concordiamo pienamente sul fatto che l’educazione al volontariato concorra in modo efficace alla costruzione dell’identità personale di studenti e studentesse e al loro essere cittadini. La pluriennale esperienza dei Centri di Servizio per il Volontariato in questa direzione  – conclude Tabò – ha restituito riscontri confortanti”.