IL MONDO VISTO DAI TRAMPOLI E ATTRAVERSO BOLLE DI SAPONE GIGANTI CON CANTIERART

Posted on
Sulla nostra rubrica “Noi ci siamo” sulla Gazzetta di Modena questa settimana vi raccontiamo la storia di Antonietta Amoroso. “Il mondo visto dai trampoli è meraviglioso perché ti offre una percezione diversa delle cose, non solo visiva, e ti rende visibile in una situazione dove siamo tutti invisibili: quando sei sui trampoli, tutti ti salutano e ti chiedono qualcosa”.

Antonietta Amoroso insieme a Laura Bruni e Francesca Di Traglia, un paio di anni fa ha fondato a Modena l’associazione Cantierart, che ha come scopo la diffusione dell’arte, in particolare quella di strada e tra le sue attività più consolidate ha le animazioni sui trampoli e le animazioni per bambini in feste private o di piazza.

“Sto portando in giro lo spettacolo La Dama Dore’, ideato con le bolle di sapone – racconta Antonietta – E’ una performance romantica di bolle giganti che crea un’ambientazione da fata. Mi colpisce sempre l’espressione delle persone che assistono:  a volte mi commuovo per la meraviglia che sprigionano. Quando mi presento, prima dell’esibizione, chiedo a tutti di dimenticare per un po’ i loro problemi e lasciarsi trasportare da quello che vedono e la cosa funziona: la gente si lascia andare e fa volare la fantasia, svuotando la mente dalle preoccupazioni”.

All’interno dell’associazione, Antonietta si occupa di animazione per bambini, fa spettacoli di strada con il fuoco e con i trampoli, oltre che con le bolle giganti. “L’arte è un formidabile strumento di aggregazione, rafforza lo spirito di comunità e apre al dialogo. In questi anni, molti artisti della zona hanno iniziato a collaborare con noi – prosegue Antonietta che, tra le altre cose, si occupa della selezione degli artisti del Modena Buskers Festival che si terrà in città dal 30 giugno al 3 luglio al Parco Amendola – In questo lavoro con gli artisti, c’è tutto un mondo da scoprire, le loro vite sono molto affascinanti.

Ogni artista e ogni gruppo è un universo a sé e si imparano un sacco di cose nuove sul mondo, ognuno porta la sua storia e la condivide con chi ha voglia di fermarsi. Siamo convinti che l’arte, in tutte le sue forme, non debba essere un lusso per pochi ma debba essere fruibile a tutti ed è per questo che ci piace portare gli spettacoli in strada, dove il pubblico è libero di incontrarti e se gli va, di fermarsi a guardarti, senza pagare obbligatoriamente un biglietto.

Mi piace molto lavorare con i bambini – dice Antonietta – Nelle feste a cui partecipiamo, non vogliamo solo intrattenerli ma la cosa più bella è far provare loro, in prima persona, esperienze legate al mondo del circo piuttosto che delle bolle di sapone: e così, per un pomeriggio, gli offriamo la possibilità di essere giocolieri, clown o “bollisti” attraverso i nostri laboratori. E il divertimento è assicurato”.

Appuntamento il 22 aprile alle ore 21 alla Tenda a Modena con “Una bella favola”, spettacolo a ingresso gratuito di teatro-ragazzi sul tema della Resistenza, a cura di Cantierart. “Una bella favola – conclude Antonietta – è uno spettacolo ispirato al tema della Resistenza e dedicato specificamente a bambini e ragazzi anche se è fruibile e godibile da parte di tutte le età. La creazione drammaturgica ha preso le mosse dalla ricerca di testi sull’argomento diretti ai più giovani e dall’approfondimento storico dello stesso, per poi assumere la forma d’una fiaba che richiama i maggiori conflitti precedenti la nascita della Resistenza. Il fine ultimo della storia che raccontiamo è suscitare un’emozionata curiosità nei piccoli spettatori e stimolarli a riflettere e documentarsi sui fatti realmente accaduti”.

Cantierart cerca volontari per attività di animazione e supporto agli eventi: per informazioni è possibile scrivere a cantierart@yahoo.com e visitare il sito www.associazionecantierart.com