RACCOLTE 48 TONNELLATE DI GENERI ALIMENTARI IN OCCASIONE DELLA RACCOLTA ALIMENTARE DEL 27 FEBBRAIO 2016

Posted on
Quasi 48 tonnellate di generi alimentari donate dai cittadini che nella giornata di sabato 27 febbraio 2016 si sono recati nei supermercati Conad, Coop e Panorama di Modena e provincia in occasione della raccolta alimentare promossa da Rock No War, Porta Aperta Modena e Portobello Emporio Sociale. I prodotti raccolti sono destinati ai progetti di contrasto alla povertà presenti sul territorio e ai progetti internazionali sostenuti da Rock No War Onlus.

Anche quest’anno è ottimo il risultato della raccolta alimentare promossa da Rock No War, Porta Aperta e Portobello Emporio Sociale, progetto coordinato dall’Associazione Servizi per il Volontariato di Modena: grazie al fondamentale contributo di 400 instancabili volontari, sono stati presidiati 41 punti vendita Conad, Coop e Panorama a Modena e provincia, raccogliendo quasi 48 tonnellate di alimenti donati da migliaia di cittadini, destinati a diversi progetti di contrasto alla povertà. Tra i prodotti maggiormente donati abbiamo passata di pomodoro, pasta, riso, olio, legumi, zucchero.

I generi raccolti sosterranno i progetti di Rock No War, associazione da sempre impegnata sul fronte della solidarietà sia in Italia che all’estero, con una particolare attenzione al mondo dell’infanzia; Porta Aperta Modena, che offre, tra gli altri, il servizio mensa due volte al giorno, per un totale di circa 25000 pasti all’anno distribuiti alle persone bisognose; Portobello Emporio Sociale, che distribuisce alimenti alle famiglie in difficoltà economica del territorio.

Come già avvenuto lo scorso anno, hanno partecipato alla raccolta alimentare anche Il Pane e le Rose – emporio di Soliera e Il Melograno – emporio di Sassuolo, realtà ormai sempre più consolidate in provincia di Modena.

Il numero di volontari coinvolti, la risposta dei cittadini e la disponibilità dei punti vendita aderenti dimostrano che l’iniziativa e le associazioni promotrici godono della fiducia delle persone: questo è motivo di orgoglio e soddisfazione e spinge sempre di più la comunità a intensificare l’impegno dedicato ad aiutare chi – nella nostra città ma non solo – sta vivendo una situazione difficile e desidera superare questo momento.