A SASSUOLO SI CANDIDA LA BICICLETTA AL PREMIO NOBEL PER LA PACE

Posted on
Al via un progetto di candidatura simbolica della bicicletta che raggruppa tantissimi temi di grande importanza: ambientali, economici, turistici, sociali, sportivi, di sicurezza stradale e salute pubblica.

E’ partito il programma di “Cicli Aperitivi” organizzati dal Comune di Sassuolo, in collaborazione con l’Associazione Concretamente e la Libreria Incontri,  per la campagna “Bike the Nobel”, promossa da Caterpillar.

La campagna Bike The Nobel punta a raccogliere le firme necessarie per supportare la candidatura della bicicletta al premio Nobel per la Pace.

Si è partiti lo scorso 16 gennaio con Francesco Ricci e il suo “Biciclette cosmiche, reading and riding”. Scrittore, copywriter, ciclopensatore, Francesco Ricci ha pubblicato “Il ’68 a pedali”, diario di un ciclista immaginario che corre il Giro d’Italia a fianco di Eddy Merckx, “Bella ciao”, ricostruzione, tra storia e finzione, di un breve e tragico amore nell’estate del 1944 e “Velopensieri”, riflessioni transitorie sul pedalare, cosa che fa da oltre vent’anni quando e appena può.  Ha realizzato per RAI Alto Adige “Riparare la terra”, documentario in memoria di Alexander Langer. Nel febbraio di quest’anno uscirà “Fatto di sangue”, il doping nel ciclismo per la prima volta rappresentato in una fiction romanzesca.

Gli appuntamenti successivi saranno:

venerdì 22 Gennaio, a partire dalle ore 20,30 in Sala Biasin: Giulia Bondi e Luigi Ottani presentano “Cicloturista Partigiano, di bici e di storie” e “Viaggio oltre cortina”:

Sabato 30 Gennaio, presso “Starbene” di piazzale Roverella alle ore 17,30, Michele Marziani presenta “Umberto Dei” biografia non autorizzata di una bicicletta e “Nel nome di Marco”.

Sabato 6 Febbraio, all’Auditorium Bertoli a partire dalle ore 17: Testimonianze/ esperienze cicloamatoriali.

Sabato 13 Febbraio, sempre presso “Starbene” di piazzale Roverella alle 17,30 Stefano Pelloni presenterà “La schiena del gruppo”.

BIKE THE NOBEL: UN NUOVO CENTRO DI RACCOLTA PER FIRME E CARTOLINE

Un nuovo Hub per la raccolta di firme e biglietti si aggiunge alla campagna “Bike the Nobel” di Sassuolo: si tratta di Nuova Corti che, nei propri punti vendita, raccoglierà le cartoline dei bambini con un messaggio di pace e le firme per la candidatura della bicicletta al Nobel per la Pace.

Il Comune di Sassuolo ha aderito ad una campagna promossa dalla trasmissione radiofonica di Radio 2 “Caterpillar”, costituendo uno dei tanti hub che si stanno creando nel territorio nazionale, per raccogliere firme per supportare la candidatura della bicicletta a premio Nobel per la Pace.   Questo progetto di candidatura simbolica della bicicletta raggruppa tantissimi temi di grande importanza: ambientali, economici, turistici, sociali, sportivi, di sicurezza stradale e salute pubblica.

Questo il manifesto di candidatura della bicicletta al premio Nobel per la Pace: “La bicicletta è il mezzo di spostamento più democratico a disposizione dell’umanità. Permette a tutti di muoversi, poveri e ricchi. Riduce le differenze sociali. La bicicletta non causa guerre. Riduce il bisogno di petrolio ed i conflitti si fanno spesso per il petrolio. La bicicletta cambia il modello di sviluppo. Ogni chilometro pedalato genera un beneficio di 16 centesimi di euro per la società, ogni chilometro percorso in auto provoca un danno di 10 centesimi. (Copenhagen Bicycle Account).
La bicicletta causa meno incidenti stradali.

Più di un milione di persone muoiono ogni anno nel mondo per incidenti stradali causati dal traffico motorizzato. La bicicletta uccide raramente.
La bicicletta non inquina, risparmiando le persone dal rischio di malattie e i sistemi sanitari dai costi delle cure. La bicicletta aiuta a restare in salute.
La bicicletta è stata un strumento dei movimenti di liberazione e resistenza di molti paesi. In Italia, durante l’ultimo conflitto, è stata il mezzo di trasporto privilegiato dalle staffette partigiane. Gino Bartali ha trasportato con la sua bicicletta documenti falsi che hanno messo in salvo ottocento ebrei perseguitati dal nazifascismo.

La bicicletta è un strumento di crescita per l’infanzia. Rende i bambini autonomi e indipendenti. La bicicletta elimina le distanze fra i popoli I cicloviaggiatori sono accolti ovunque con favore: la bici è un mezzo che comunica rispetto e avvicina le persone e le culture”.

Oltre alla raccolta delle firme che si potrà effettuare sia on-line all’indirizzo:  http://caterpillar.blog.rai.it/bikethenobel-petizione/ , sia presso l’Urp che durante i vari eventi che, come Amministrazione Comunale, sono stati organizzati: domenica, 13 dicembre  scorsa, in occasione della Festa di Natale al Parco Amico avremo Babbo Natale in bicicletta che ha portato  bambini le cartoline bike the Nobel per lanciare un messaggio di pace; così come per tutto il periodo delle feste.

Le cartoline vengono raccolte presso l’Urp in un apposita cassetta.

Alla fine del progetto verrà premiato il bambino/a che avrà scritto il messaggio più bello di pace. Inoltre, per promuovere le domeniche ecologiche relative all’ordinanza per le limitazione della circolazione veicolare per ridurre l’inquinamento (7 febbraio, 6 marzo), verrà organizzato un evento in cui personaggi locali che amano la bicicletta e testimonial del ciclismo possano raccontare storie sulla bici per far conoscere questo meraviglioso mezzo.