RED 14.12.14: PRIMA EDIZIONE DELLA CACCIA ALL’ASSASSINO ORGANIZZATA DA AVIS PROVINCIALE

Quest’anno il Natale si tinge di rosso (già suo colore naturale, peraltro, se si esclude dalla conta la canuta tinta di certe barbe…)

Gli animi supini e fiacchi per le ingenti spadellate e le mense dicembrine, potranno affilare le lame del loro acume sulla pietra che abbiamo loro preparato: ultimo svenamento (di impegno s’intende) di noi dell’Avis Provinciale.

Bando alle ciance! Il 14 dicembre nelle vie del centro di Modena verrà commesso un omicidio e toccherà alle coppie partecipanti al gioco urbano a premi “Red14.12.14 – caccia all’assassino” risolvere gli enigmi, snodare la matassa e infine smascherare il colpevole.

Se state pensando che si tratti di una delle solite cene con delitto, siete fuori strada. La nostra è tutt’altra iniziativa, di tutt’altra articolazione e di diversissima portata (anche per quanto riguarda i premi), che mira a coinvolgere centinaia di persone e a promozionare in maniera diversa e insolita l’importante tema della donazione volontaria del sangue.

Il gioco (ma con questa parola non vogliamo sminuire la carica di coinvolgimento della finzione) obbligherà, infatti, a individuare gli indizi sparsi per il centro storico di Modena e, grazie a questi, a scoprire l’assassino.

Ritrovo alle 14 presso le sale messe e disposizione da Er.Go presso la Residenza San Filippo Neri (nei pressi della ciminiera della ex Manifattura Tabacchi) ed inizio della “caccia” alle 15 con fine prevista per le ore 17.30, limite massimo di consegna delle schede di indagine quando i partecipanti potranno rifocillarsi, in attesa della definizione della classifica, presso l’attiguo Bar Elio.

Ma partiamo dall’inizio; prima di tutto occorrerà iscriversi al gioco, registrandosi al portale WIGREET digitando www.wigreet.com/red1 e rassegnandosi a quel poco di burocrazia indispensabile in qualunque evento serio.

Da questo momento diverrete co-protagonisti di RED 14.12.14 (questo il vermiglio titolo della caccia all’assassino) e vestirete i panni di novelli Sherlock Holmes e dott. Watson partecipando a quello che si delinea come un vero e proprio evento organizzato dalla Commissione Giovani e dalla Commissione Scuola dell’Avis Provinciale di Modena con il patrocinio del Comune di Modena e con la collaborazione della Fondazione e dell’Ostello San Filippo Neri, di ER.GO e di Modena Radio City (media partner dell’evento). Game design della manifestazione l’associazione ludica “Parco della vittoria”

Non dimenticate che, per ricevere, tramite wigreet, una descrizione della trama e informazioni sui personaggi della vicenda, è indispensabile che possediate uno smartphone e/o un tablet, con connessione 3G.

Chi non disponesse di tali privilegi informatici, potrà sfruttare finalmente una di quelle tante amicizie di cui mai ha trovato vera ragione, o, per i più fortunati, aggregarsi al buon amico tecnologizzato. Sarebbe d’altronde una buona occasione per evolversi ai tempi e ricevere in premio un iPhone 6, o mal che vada un iPad 4 o, al terzo piolo del podio, un tablet Samsung 8” T335.

Ci scusino coloro che fanno dell’avversione alla tecnologia una sana lotta ideologica, mi scusino tanto più di questa ostentazione di primizie elettroniche, ma era doveroso apprezzare lo sforzo che AVIS ha compiuto per cercare di premiare quante più persone possibili, addirittura fino al decimo classificato (essendo Natale…).

L’avvenimento si articolerà tra le vie del centro storico di Modena e rappresenterà anche l‘occasione per spolverare la memoria su antiche vedute, su qualche via dimenticata, su piazzette che, mai viste, vi potranno piacevolmente sorprendere. Non esitate dunque, pazienti lettori, a invitare amici che non abitano a Modena, e quindi si presume non la conoscano: vi ringrazieranno dei luoghi che avete permesso loro di conoscere e delle emozioni che gli avete consentito di vivere.

Si sa, ogni vezzo ha un prezzo, ma, in questo caso, l’onere è davvero contenuto: 20 euro a coppia per iscriversi all’evento dell’anno, 20 euro che serviranno per aiutare l’AVIS nel suo lavoro quotidiano di incommensurabile valore.

Partecipate quindi numerosi, passate la notizia e, mi raccomando, diffondetela goccia a goccia…