“MODENA È UNA GRANDE CITTÀ GRAZIE A TANTI VOLONTARI COME VOI”

Posted on

Il sindaco Muzzarelli, insieme all’assessore Guerzoni e alla presidente del Consiglio Maletti, ha ringraziato una sessantina di volontari del verde in Municipio “Se Modena è ancora una grande città è perché ci sono tanti come voi che si mettono a disposizione e dedicano tempo alla comunità. Senza il vostro aiuto sarebbe difficile tenere bella la città. Per questo vi abbraccio e vi ringrazio di cuore”. Lo ha detto il sindaco Gian Carlo Muzzarelli nel corso dell’incontro che si è tenuto lo scorso sabato in Municipio con anche l’assessore all’Ambiente Giulio Guerzoni e la presidente del Consiglio comunale Francesca Maletti e

ACCADEMIA E AVIS, ANCHE I CADETTI DONANO IL SANGUE A MODENA

Posted on

Il 4 novembre, “Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate”, prima donazione per gli  Allievi Ufficiali nel Cortile d’Onore di Palazzo Ducale a bordo dell’autoemoteca. Un nuovo legame unisce l’Accademia Militare alla comunità modenese, e non a caso sancito il 4 novembre, in occasione delle celebrazioni per  il “Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate. Diciotto i primi cadetti che donano sangue all’ Avis, dopo l’alzabandiera, direttamente nel Cortile d’Onore di Palazzo Ducale, dove per l’occasione è stata allestita l’autoemoteca attrezzata messa a disposizione dall’Avis di Torino. I nuovi donatori che inizieranno a conferire con regolarità alla sede

RICERCA OMOFOBIA: MODENA CITTÀ RISPETTOSA DEI DIRITTI

Posted on

È il risultato dell’indagine promossa dal Comune su omofobia e sessismo. L’assessora Caporioni: “Una base concreta per orientare le prossime azioni di sensibilizzazione”. Il 6 novembre un convegno e un dibattito con le associazioni del territorio e i cittadini Modena è una città accogliente nei confronti delle persone omosessuali? Abbastanza, secondo la percezione degli stessi modenesi che, per la quasi totalità, pensano che gli omosessuali debbano essere liberi di vivere la loro vita come desiderano e ritengono che la tutela dei loro diritti non rappresenti una minaccia per la famiglia tradizionale. È questo il dato che riassume i risultati della