MODENA PARTECIPA A “LA MARCIA DELLE DONNE E DEGLI UOMINI SCALZI”

“La Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi” venerdì 11 settembre vedrà i modenesi muoversi in corteo contemporaneamente ad altre città italiane.

La Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi è l’inizio di un percorso di cambiamento che chiede a tutti gli uomini e le donne del mondo globale di capire che non è in alcun modo accettabile fermare e respingere chi è vittima di ingiustizie militari, religiose o economiche che siano. L’appello, lanciato a livello nazionale da Venezia e dal mondo della cultura, è stato accolto da tantissime città italiane. Anche Modena farà la sua parte.

Venerdì 11 settembre ritrovo alle 17.30 tra piazza Roma e piazzale San Domenico e alle 18 partenza del corteo per le vie: III Febbraio, Corso Cavour, corso Vittorio Emanuele, via Adeodato Bonasi, Viale Monte Kosika e arrivo nel piazzale Dante Alighieri antistante la stazione FF.SS.

Il piazzale della stazione viene individuato come luogo simbolico del transito e degli spostamenti, oltre che di speranza, per le persone migranti in molte città d’Europa.

La manifestazione è sostenuta da:
Comune di Modena, Cgil, Cisl, Uil, Arci, Libera, Anpi, Acli, ACT! Agire costruire trasformare, A different eye, Rete 1° Marzo, Seconde Generazioni, Giovani Musulmani Italiani, Casa per la Pace, PD, SEL, PRC, Gruppo Consiliare “Per Me Modena”, Auser, Associazione Antonia, Amnesty Modena, AGIM: associazione della generazione italo-marocchina, Associazione Casa delle Donne contro la Violenza Onlus di Modena, Casa delle Culture, Milinda, Centro Documentazione Donna di Modena

Chi vuole aderire scriva a: anna.ferri@arci.it

In questa ottica si inserisce il percorso avviato dal Protocollo siglato a primavera 2015 tra Comune di Modena, Prefettura e mondo del Volontariato modenese per favorire l’inserimento sociale e la restituzione nei confronti della comunità dei richiedenti asilo.