DISABILI: A BANDO LE PROPOSTE PER IL TEMPO LIBERO

Posted on
Avviso rivolto alle associazioni di volontariato. Il soggiorno estivo a Pinarella, in corso in questi giorni, è tra le attività per favorire integrazione e socializzazione
Sono 57 le persone disabili che hanno trascorso il Ferragosto, insieme a 47 tra accompagnatori e volontari, a Pinarella di Cervia, nella Casa per ferie del Comune di Modena. Il soggiorno marino gestito dalle associazioni di volontariato Anffas, Asham, Uildm prosegue fino mercoledì 19, quando riprenderanno i turni degli anziani.
Il soggiorno estivo a Pinarella si inserisce tra le proposte di attività del tempo libero che il Comune di Modena offre alle persone disabili adulte residenti sul territorio e ha l’obiettivo di sviluppare opportunità di vita autonoma e di integrazione sociale, di favorire la vita di relazione e di promuovere una cultura di solidarietà.
L’esperienza maturata dal settore Politiche sociali ha infatti evidenziato come al di là del livello di disabilità, grave, media o lieve, avere spazi di socializzazione sia un bisogno comune. Le opportunità offerte vanno pertanto diversificate a seconda del grado di autonomia e consapevolezza, di desideri, bisogni e aspettative di ognuno. All’interno della rete di servizi e progetti rivolti ai disabili adulti, realizzata dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio le attività legate a Tempo Libero e Servizio Aiuto alla Persona rivestono un ruolo fondamentale.
Nelle scorse settimane, la Giunta ha approvato le Linee di indirizzo per un avviso finalizzato alla presentazione di progetti relativi a socializzazione e sostegno all’integrazione di persone disabili adulte e Servizio di aiuto alla persona. Al bando, pubblicato sull’home page del Comune (www.comune.modena.it), possono partecipare associazioni di volontariato e di promozione sociale che si candidano a programmare e gestire attività per la socializzazione e l’integrazione dei disabili e nell’ambito del Servizio di Aiuto alla Persona e progetti. Per la realizzazione di tali progetti, l’Amministrazione comunale mette a disposizione complessivamente 78 mila euro all’anno sotto forma di rimborsi spese. Dopo aver dato corso alla procedura di selezione e individuato il soggetto che gestirà le attività il Comune stipulerà con questo una convenzione della durata di tre anni.