A MODENA NASCE LA RETE DELL’ECONOMIA SOLIDALE

Posted on
A Modena nasce la rete dell’economia solidale, un sistema che attraverso la creazione di circuiti economici virtuosi vuole dare vita a spazi culturali e di mercato finalizzati al benessere di tutti.

Il progetto presentato il 1 luglio ore 18 all’emporio sociale Portobello con i relatori Giorgio Prampolini, presidente cooperativa Chico Mendes; Stefano Bartolini, professore di Economia politica all’Università di Siena; Andrea Corsini, assessore regionale con delega all’Economia solidale; Tommaso Fasano, presidente della commissione servizi del Consiglio Comunale di Modena e Giuliana Urbelli, assessora al Welfare per il Comune di Modena.

Tra i principali temi legati all’economia solidale ci sono sharing economy, economia sostenibile, riuso e riciclo, coltivazioni biologiche e biodinamiche, filiera corta, tutela del paesaggio e della biodiversità, energie alternative fino ad arrivare al consumo critico.

Che cos’è l’economia solidale? L’idea alla base di questo modello, che sta prendendo sempre più piede, è che lo sviluppo della società possa essere perseguito rispettando gli essere viventi e le risorse naturali del pianeta terra, sviluppando e integrando quindi i concetti dell’economia tradizionale e dell’ecologia.

Dal punto di vista ambientale l’utilizzo delle risorse deve permettere una rigenerazione delle stesse per fornire alle generazioni future lo stesso livello di risorse dei periodi precedenti, mentre concettualmente il modello si basa su una riorganizzazione culturale, scientifica e politica della vita che punti al rispetto di ogni forma di diversità: dalla quella culturale e delle razze fino alla biodiversità.

La rete dell’economia solidale è promossa da L’Ape, Porta Aperta Modena, Filieracorta di Arci Modena, Insieme in quartiere per la città, Uisp, Coop. Chico Mendes, Aiab Emilia Romagna, Arcoiris, Auser, Federconsumatori, Spazio Erre, Foreste per sempre, Csi Mo Volontariato, con il contributo del Forum del Terzo Settore e il patrocinio del Comune di Modena.