ALICE MODENA A SOSTEGNO DELLE PERSONE COLPITE DAL TERREMOTO

Posted on
ALICe Modena, l’associazione che si occupa di ictus cerebrale, ha deciso di esprimere la propria solidarietà nei confronti delle persone colpite dal terremoto del 2012 sostenendo l’unità operativa di Medicina Riabilitativa, Area Nord, degli ospedali di Mirandola e Carpi diretta dal dott. Luciano Mazzoleni. La donazione, che in realtà è stata fatta qualche mese fa, consiste in una attrezzatura per il recupero funzionale degli arti nelle persone con esiti da ictus, del costo di 2100 €.

“Ringraziamo ALICe, sezione di Modena, per aver manifestato in modo concreto la sua vicinanza alle popolazioni così duramente colpite. L’apparecchiatura che ci è stata donata consiste in un ausilio tecnologico (3 D-Tutor) che tramite sensori applicati agli arti, riproducendo il movimento sullo schermo di un pc, permette la ripetizione dell’attività insegnata dal fisioterapista, (feedback aumentativi). Si facilita cosi l’apprendimento tramite la riproduzione visiva del gesto. Abbiamo già sperimentato l’utilizzo di tale apparecchiatura e abbiamo notato che rappresenta un valido strumento per la rieducazione di pazienti neurologici. Abbiamo deciso di testimoniare questa iniziativa “ continua il dott Mazzoleni “ affingendo un targa che ricordi la donazione di ALICe Modena nei locali dove abitualmente si svolge l’attività di Riabilitazione”.

“I volontari di ALICe Modena desiderano ringraziare tutte le persone che molto generosamente continuano a sostenere economicamente l’associazione” commenta la nuova presidente Milena Cavazzuti. “Infatti, grazie alle numerose donazioni, ai fondi delle scelte del 5 per mille ed il ricavato degli spettacoli teatrali è stato possibile organizzare le attività destinate ai pazienti che frequentano la sede, che sono del tutto gratuite, e sostenere in parte i trasporti sociali per chi non riesce a raggiungere la sede in maniera autonoma. Inoltre, l’associazione ha realizzato donazioni di strumenti a strutture ospedaliere: nel 2009 ha donato all’Unità Operative – Stroke Unit/Neurologia del NOCSAE un EcoDoppler Transcranico con il contributo anche della Fondazione Cassa di Risparmio e dei Lions Club Romanica, e nel 2011, due poltrone basculanti da utilizzarsi nella Stroke Unit per il trattamento riabilitativo precoce di pazienti con ictus acuto. Nel 2012 ALICe Modena ha istituito una Borsa di studio per un giovane medico neurologo per la diagnostica cerebrovascolare nei bambini con drepanocitosi e nella attività clinica del Servizio di Neurosonologia della Stroke Unit mediante l’utilizzo del doppler transcranico. Nel 2013 ha bandito un concorso a premi, indirizzato agli studenti delle scuole medie superiori della provincia, per sensibilizzarli sul problema della prevenzione dell’ictus e il riconoscimento dei segni con i quali si manifesta, che è stato vinto dalla V A del Liceo Tassoni di Modena”.