VOLONTARIATO E LAVORO AL CENTRO DEL V CONGRESSO NAZIONALE SPERA – SOLIDARIETÀ PROGETTI E RISORSE PER L’AFRICA

E’ stata presentata a Genova la V Edizione del Congresso Nazionale SPeRa – Solidarietà, Progetti e Risorse per l’Africa. Un incontro per la stampa organizzato dal Consorzio SPeRA e Medici in Africa Onlus in collaborazione con l’Università di Genova e il Celivo, per “entrare nel vivo” della manifestazione prevista nei giorni 20,21 e 22 novembre presso il Galata Museo del Mare.

Il tema portante della quinta edizione (la quarta nazionale) è “Volontariato e Lavoro”.

Fare volontariato oggi vuol anche dire entrare potenzialmente nel mondo del lavoro – afferma il Prof. Edoardo Berti Riboli, Presidente del Consorzio SPeRA e dell’Associazione Medici in Africa. Infatti il servizio volontario a volte è il primo passo per ottenere successivamente un incarico di lavoro stabile nella stessa associazione. In tutti i casi se il ruolo del volontario è ufficialmente riconosciuto, questo stesso lo si può inserire orgogliosamente nel proprio curriculum vitae; le competenze che si acquisiscono sono di valore elevato ed è possibile arricchire i propri bagagli di esperienze umane e professionali. Questo avviene ancora di più a seguito di esperienze in paesi in via di sviluppo che sono vissute in un ambiente dai grandi contrasti e dove ogni evento ha colori molto forti, dove è necessario avere coraggio e saper fare squadra.”

“Cosa fa il volontario? – continua il Prof. Berti Riboli – il volontario fa dei progetti. Qual è il legame tra volontari di associazioni differenti? Sapere cosa fanno gli altri. Se non c’è lo scambio di informazioni non si può fare lavoro di rete.

Questo è il senso del Convegno: fare rete tra operatori, associazioni, Istituzione ed essere punto di riferimento nazionale. 

Tuttavia il Congresso SPeRA non è solo una opportunità di comunicazione reciproca tra chi già si occupa di progetti in Africa (ONLUS, ONG, ODV, missioni, aziende e privati); è un momento di forte divulgazione rivolto a tutto il mondo del volontariato, delle imprese, dell’università e alla cittadinanza per il reclutamento di nuove forze umane ed economiche favorendo contatti, coinvolgimento, divulgazione e circolazione delle informazioni.

IL PROGRAMMA 2014

Il tema portante “Volontariato e Lavoro” viene introdotto nella mattinata di apertura prevista per giovedì 20 novembre alle 9.30 nella Sala Plenaria del MU.MA Galata Museo del Mare. Intervengono i rappresentanti del Consorzio SPeRA, dell’Università, delle Associazioni e delle Istituzioni.

La V Edizione 2014 punta sui giovani anche con l’insegnamento interscuola di cooperazione allo sviluppo delle Università Italiane, al quale sono iscritti trecento studenti dell’Università degli Studi di Genova coinvolti nel Convegno quale momento formativo propedeutico al corso.

Dato l’insorgere e l’aumento prepotente del virus Ebola nel continente africano si è deciso di dare spazio al tema in due momenti del Convegno. Venerdì 21 alle 16.30 dibattito aperto su “Emergenza Ebola e iniziative possibili”, con la partecipazione del Dott. Valerio del Bono – infettivologo dell’Università di Genova – e il Dott. Marco Pratesi – medico dell’associazione Cuamm Medici con l’Africa. Il Dott. Pratesi conduce anche l’intervento “Il rischio Ebola per gli operatori italiani” previsto alle ore 11 di sabato 22 novembre.

Al Convegno viene presentato il Registro della solidarietà italiana in Africa 2014, testimonianza a forma di libro di quanto concretamente viene svolto dal volontariato italiano in Africa. Raccoglie tutti – o quasi – i progetti in corso suddivisi per macro-temi: agricoltura e risorse naturali, donne e infanzia, strutture e infrastrutture, istruzione lavoro e formazione, sanità e nutrizione. Il volume è distribuito ai partecipanti del Congresso e ai rappresentanti istituzionali dei Paesi coinvolti. Sul sito del Consorzio SPeRA (www.consorziospera.org) è attiva la funzione di interrogazione sui progetti secondo molteplici criteri di ricerca.

ORGANIZZATORI E COLLABORAZIONI

L’edizione del 2014 è organizzata da Consorzio SPeRA e Medici in Africa Onlus (www.mediciinafrica.it), con la collaborazione dell’Università degli Studi di Genova e del Celivo (www.celivo.it).

Il Consorzio Spera – www.consorziospera.org

Costituito nel 2010, è registrato all’albo delle associazioni di volontariato della Regione Liguria e oggi conta 33 associazioni
L’acronimo SPeRA – Solidarietà, Progetti e Risorse per l’Africa – riprende lo scopo primario del Consorzio come cita l’articolo 3 dello Statuto: impegnarsi nella cooperazione internazionale in attività umanitarie e di solidarietà per un sostegno attivo ai paesi del terzo mondo, soprattutto a favore dell’Africa.

Medici in Africa ONLUS – www.mediciinafrica.it

Fondata da alcuni medici che hanno maturato direttamente numerose esperienze di volontariato in campo sanitario in diversi Paesi dell’Africa Subsahariana, del Sudamerica e dell’Asia. Gli scopi statutari possono essere riassunti nel favorire il volontariato di medici e personale sanitario italiano aderente all’Associazione, condividendo le esperienze fatte, mettendo in contatto i medici con le organizzazioni che operano nei paesi emergenti, coordinando l’attività degli stessi, considerate le specifiche competenze, per ottimizzare i risultati, realizzando un data- base informatico di medici volontari e di organizzazioni che operano nei paesi emergenti, con le caratteristiche e le disponibilità di entrambi. Questo è considerato un obbiettivo fondamentale: per i medici, perché consente loro di avere un punto di riferimento per sapere costantemente dove poter prestare la propria opera, ed all’Associazione, perché permette di “monitorare” la distribuzione dei medici italiani che sempre più numerosi intendono offrire la propria professionalità a vantaggio di quelle popolazioni.