SÌ DEI GIUDICI AGLI STRANIERI NEL SERVIZIO CIVILE

Posted on
In Italia va sospesa l’applicazione della norma che vieta agli stranieri di essere ammessi al servizio civile nazionale. È questo il parere del Consiglio di Stato, interpellato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali vista l’urgenza di emanare i bandi straordinari.

Una decisione in linea con quanto già deciso dal Tribunale di Milano che aveva giudicato discriminatorio impedire la partecipazione agli immigrati.
Palazzo Spada, infatti, ha precisato che il servizio civile, “pur non costituendo un rapporto di lavoro […] va considerato quale esperienza formativa volta a favorire l’ingresso nel mondo del lavoro, al pari dell’istituto del tirocinio, dovendosi, pertanto, ritenere riconducibile alla categoria della formazione professionale”. Ne consegue l’illegittimità della disposizione che prevede per i cittadini stranieri un trattamento diverso rispetto a quello stabilito per i nazionali.