“DETTO TRA NOI…”: BUONE PRASSI DI COLLABORAZIONE TRA SETTORE PUBBLICO E TERZO SETTORE A CASTELNUOVO

Posted on
Una ricerca nata per soddisfare l’esigenza di avere strumenti più efficaci per comprendersi, per ragionare insieme tra Pubblico e Terzo Settore, a partire dalla constatazione che nonostante le positive intenzioni spesso è difficile riconoscere un linguaggio comune, un modo di intendere finalità e obiettivi affini, una convergente visione dei problemi da affrontare. La ricerca svolta nel Comune di Castelnuovo Rangone.

Costruire significati condivisi, avviare una elaborazione di esempi e casi che facciano da guida nell´affrontare le sfumature del lavoro sociale oggi, arricchire la propria cassetta degli attrezzi riattualizzando modelli operativi che siano maggiormente adeguati ai tempi attuali. Sono state queste alcune delle spinte motivazionali importanti che hanno mosso un gruppo di lavoro interorganizzativo e interistituzionale a esplorare il senso e il significato delle buone prassi di collaborazione oggi nel Distretto di Vignola.
Sul tema delle prassi di collaborazione si è ritenuto importante, più che una lettura fatta da esperti esterni, utilizzare la visione e l’esperienza di chi direttamente vive le collaborazioni sul territorio.

La ricerca si intitola “Detto tra noi…un primo passo per andare oltre il proprio orticello” perché l’elemento fondamentale per riuscire a vivere in una Comunità dove le persone possano veramente trovare risposte significative ai loro bisogni può passare solo attraverso l’impegno di tutti -servizi, terzo settore, singoli cittadini– e andando oltre la propria specificità.
La ricerca ha permesso di individuare degli elementi che non devono essere esportati come verità assolute ma essere considerati come strumenti da utilizzarsi a seconda del contesto e delle caratteristiche del tipo di collaborazione che intendo realizzare.

– clicca qui per scaricare la ricerca
– clicca qui per scaricare gli allegati

Questi elementi hanno contribuito a costruire una sorta di “cassetta degli attrezzi”, a disposizione di chi li vorrà usare.