UN PONTE DI SOLIDARIETÀ DA MODENA AL BRASILE

Posted on
L’ambasciatore del Brasile, Ricardo Neiva Tavares, è stato in visita a Modena lo scorso 24 aprile. All’incontro del diplomatico con il sindaco Pighi sono intervenuti anche i rappresentanti dell’associazione Modena Terzo Mondo, Luca Mucci e Andrea di Paolo, e il presidente di Modena solidarietà della Uisp Paolo Belluzzi che sono tra i promotori di decine iniziative di cooperazione internazionale in Brasile, a molte delle quali collaborano diversi enti locali modenesi.

di Laura Solieri

Tra queste anche il centro intitolato a don Arrigo Beccari a Itapirapuà, il progetto “Massimo Ronchetti” contro lo sfruttamento dei minori a Fortaleza, le iniziative Fame zero e Sete zero promosse in diverse aree del Paese.

Durante la sua visita – il diplomatico oltre al sindaco ha incontrato una rappresentanza delle imprese localo attive nel mercato brasiliano e si è recato a Montese in occasione del 69° anniversario della Liberazione del paese e di quell’area dell’Appennino alla quale contribuì una brigata di soldati brasiliani delle forze alleate che hanno combattuto tra il 1944 e il 1945 sulla Linea Gotica – l’ambasciatore ha espresso particolare gratitudine per il lavoro portato avanti in Brasile  dall’associazione di solidarietà internazionale Modena Terzo Mondo Onlus (Mtm) che dal 1994 realizza progetti di assistenza ai minori in strutture gestite dall’associazione (case di accoglienza, centri di recupero, riciclaggio rifiuti, mense ed altro ancora)

Tutela dei diritti, promozione e d emancipazione dell’individuo segnano la mission di Mtm, che da sempre si occupa di tematiche legate al sottosviluppo e alla discriminazione sociale ed economica di cui soffre questa fetta di popolazione

I numeri parlano da soli: sono infatti più di 5mila i ragazzi assistiti, 400 i volontari impegnati nei 43 progetti realizzati da Mtm nelle zone più povere del Brasile, che trattano i temi dell’istruzione (11 scuole), diritti umani e lavoro (6 centri), agricoltura (5 strutture), sanità (3 strutture di cui 1 ospedale), emancipazione e sostegno sociale (8 centri), sport e sostegno giovanile (8 centri).

Tra questi progetti, Mtm è attualmente impegnata nella campagna internazionale (da essa lanciata) contro il turismo sessuale minorile in Brasile “Stop child sexual tourism”, nel progetto del governo brasiliano Fame Zero / Sete Zero e nell’attività di raccolta fondi, in collaborazione con la Uisp, per la realizzazione di una struttura polivalente a Joaquin Nabuco, Pernambuco, progetto a cura di Andrea Di Paolo, per offrire ai ragazzi del posto un’alternativa alla vita di strada

Per maggiori informazioni visita il sito dell’associazione www.modenaterzomondo.org