STIMOLAZIONE MULTISENSORIALE E DISABILITÀ: L’AVVIO DI UN PROGETTO A MODENA

Posted on
In occasione dell’inaugurazione della sede di Ass.ne Parkinson Modena nella quale è stata allestita una stanza di stimolazione e rilassamento multisensoriale tipo “Snoezelen”,  venerdì 18 aprile 2014 ore 9.30 in via C. Menotti 137 è organizzato un convegno sul tema: stimolazione multisensoriale e disabilità: l’avvio di un progetto a Modena

Il legame tra emozioni, vissuto psichico e malattia è territorio di grande interesse per una medicina centrata sull’essere umano nella sua totalità più che sulla malattia. Un ambiente tipo “Snoezelen”, rappresenta uno spazio e un metodo di avvicinamento alla sofferenza attento e rispettoso, basato sull’empatia, capace di valorizzare le differenze e le abilità residue dei malati e di rappresentare un formidabile strumento per chi se ne prende cura, dal familiare al medico.

Il progetto di Modena prevede uno spazio multisensoriale a servizio dei malati di Parkinson, ma anche volto all’esterno, offerto alla sperimentazione, al desiderio di fare esperienza dei ricercatori scientifici, dei medici, così come delle tante associazioni di volontariato che si prodigano per migliorare la qualità della vita di persone che hanno incontrato la malattia neurologica, oncologica, psichiatrica, o anche a dirigenti di comunità, direttori di strutture per anziani; in sintesi, a chiunque sia in cerca di qualcosa “in più” per i propri ospiti, per gli operatori.

Il convegno è un’occasione irripetibile per conoscere il progetto, per provare di persona la stanza, per ascoltare il racconto di alcuni dei protagonisti di un approccio ancora poco diffuso in Italia, ma validato in vari paesi attraverso insperati, positivi risultati su centinaia di malati.

La stimolazione multisensoriale, al pari di altre strategie di sostegno alle terapie farmacologiche, tende allo stesso nobile obiettivo: il benessere della persona, come singolo e come soggetto sociale.

Clicca qui per scaricare il programma