NON GIOCARTI IL FUTURO!

Uno Slotmob per sostenere due locali che hanno rinunciato alle slot alla mattina, in piazzale della Meridiana e una tavola rotonda della campagna nazionale Mettiamoci in gioco, al Palavolontariato, nel pomeriggio: questi gli appuntamenti di una giornata, sabato 14 dicembre 2013, per dire no al gioco facile

Saranno due gli importanti appuntamenti carpigiani dell’intensa giornata di mobilitazione contro il gioco d’azzardo illegale e di sensibilizzazione per quanto concerne i rischi di quello legale, promossa dalla rete di enti, associazioni e singoli cittadini del territorio Non giocarti il Futuro!, della quale fanno parte, tra gli altri, Movimento dei Focolari, Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi, Fondazione Casa del Volontariato, Libera, CGIL, Cooperativa sociale Il Mantello, USHAC, Federconsumatori di Modena e provincia, Università Libera Età Natalia Ginzburg.

Sabato 14 dicembre il primo appuntamento sarà alla mattina, a partire dalle ore 10.30, presso il piazzale della Meridiana, di fronte alle Poste centrali. Si terrà qui la tappa carpigiana dell’iniziativa nazionale Slotmob, la mobilitazione per sostenere i locali che hanno deciso di essere ‘slot-free’. In questo caso si tratta del Postal Bar e del Caffè De Amicis, situati rispettivamente al civico 31 di via XX Settembre e in viale De Amicis 43, nella vicinanza, appunto, delle Poste. A questo proposito, tutti i cittadini che ritengono la diffusione endemica del gioco d’azzardo lesiva del tessuto sociale della comunità e, soprattutto, delle sue fasce più deboli e marginali, sono invitate a partecipare per sostenere, con una consumazione, i due bar. Nel corso dell’evento, gli assessori alle Politiche sociali all’Economia del Comune di Carpi, Alberto Bellelli e Simone Morelli, consegneranno una targa di benemerenza ai titolari dei due pubblici esercizi.

Oltre a questo, alcuni grippi Scout carpigiani praticheranno una danza-gioco per congiungere simbolicamente i due esercizi in una rete di incoraggiamento. Non si tratta certo di additare alla pubblica esecrazione o ancor meno criminalizzare i gestori che hanno invece optato per avere le slot machine all’interno dei propri locali, quando della volontà di far sentire la vicinanza della comunità a quanti di loro hanno scelto, anche a fronte di minori entrate, di dimostrare concretamente che le slot non sono una scelta obbligata.

Le iniziative non si fermeranno però qui: nel pomeriggio, a partire dalle ore 16.30, presso il Palavolontariato di piazzale Re Astolfo, si terrà una tavola rotonda sul tema del gioco d’azzardo, alla presenza del coordinatore nazionale della campagna Mettiamoci in gioco, Don Armando Zappolini, che dialogherà con Rebecca Righi la quale, per Libera, illustrerà il risvolto del gioco illegale legato alla criminalità organizzata, e con la presidente di Federconsumatori provinciale Renza Barani. Durante l’incontro Daniela Mammi, titolare del Caffè De Amicis, porterà la sua testimonianza personale.

A coordinare il dibattito sarà l’On. carpigiano Edoardo Patriarca, assai sensibile al tema di una regolamentazione più stringente del gioco d’azzardo e tra i promotori dell’iniziativa. Sia alla mattina che al pomeriggio, grazie all’ausilio di alcuni consiglieri comunali, saranno raccolte firme a sostegno della legge di iniziativa popolare a tutela della salute degli individui tramite il riordino delle normative vigenti in materia di giochi con vincite in denaro – giochi d’azzardo.