MOBILITÀ: DA INIZIATIVE PERSONALI AD INTEGRAZIONE DEI SERVIZI

La mobilità ha bisogno di essere concepita in un modo nuovo, per il futuro è necessario ripensare il ruolo di ogni utente della strada e trasformare l’ambiente in cui si muove, al fine di aumentare la sicurezza, l’efficienza di spostamento e ridurre l’inquinamento. Ingegneria Senza Frontiere – Modena invita la cittadinanza alla Tavola Rotonda “Zona MO – mobilità: da iniziative personali ad integrazione di servizi” che si svolgerà il 27 Novembre 2013, ore 16.30, presso l’aula FA-1-B del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” in Via Vignolese 905, Modena.

Interverranno: – SIMONA ARLETTI E GABRIELE GIACOBAZZI, Assessori Ambiente e Mobilità del Comune di Modena – MARCO CARNEVALI, funzionario ACI Modena – MAURO QUARONI, vicedirettore di SETA – LORENZO CARAPPELESE, esperto urbanista – GIOVANNI MACCHITELLI, volontario di Ingegneria Senza Frontiere

L’idea di una tavola rotonda nasce con l’intento di provare ad instaurare un dialogo tra i vari attori della mobilità e cercare un’ottica condivisa da seguire per riscrivere la mobilità modenese.

Un percorso già in atto che necessita della partecipazione dell’intera cittadinanza.

Durante la tavola rotonda si parlerà anche di nuove soluzioni urbanistiche partendo da un progetto realizzato a Terni nello scorso settembre per la promozione delle “Zone 30” (per informazioni un breve riassunto qui).

L’iniziativa è promossa dall’associazione di volontariato Ingegneria Senza Frontiere – Modena e da tutte le altre partecipanti al tavolo per la mobilità sostenibile modenese: Ciclofficina, CicloStile, Comitato Sacca, Legambiente, Salvaciclisti, FIAB di Modena, UISP Ciclismo. Per tutta la giornata ci sarà un’esposizione di biciclette nei corridoi del Dipartimento di Ingegneria dalla collezione storica di Bruno Ferrari, ad accesso libero e gratuito.

La conferenza è aperta a tutti gli interessati. A seguire verrà offerto un piccolo rinfresco

Durante tutta la giornata sarà inoltre presente presso la facoltà di Ingegneria di Modena un’ESPOSIZIONE DI BICI D’EPOCA a cura di Bruno Ferrari 

Per maggiori info clicca qui