LE INIZIATIVE DI ALICE MODENA E ALICE CARPI PER LA IX GIORNATA DELLA LOTTA CONTRO L’ICTUS CEREBRALE

Posted on
Le iniziative a Modena e a Carpi

MODENA 
Sabato 26 ottobre, dalle ore 10 alle 18 In piazza Matteotti, ALICe Modena (Ass. per la lotta all’ictus cerebrale) torna in piazza con l’ormai tradizionale iniziativa “Pensa alla tua zucca”, per ricordare la IX Giornata della lotta contro l’ictus cerebrale che in tutto il mondo si celebra il 29 ottobre. A Modena, medici e volontari dell’associazione incontreranno i cittadini per parlare dei principali problemi della malattia, distribuire materiale informativo e raccontare le proprie esperienze; nell’occasione, verranno venduti riso e zucche.

Come è avvenuto l’anno scorso, ai sostenitori di ALICe verrà offerta la ricetta per il risotto alla zucca del famoso chef modenese Massimo Bottura. Il ricavato della vendita contribuirà all’acquisto di attrezzature per il Servizio di Riabilitazione delle zone colpite dal terremoto. L’ictus cerebrale è una catastrofe che può essere prevenuta e curata.

Questo è il messaggio della World Stroke Organization che anche quest’anno utilizza la parola d’ordine “ONE IN SIX” (UNO OGNI SEI) per spiegare che ogni sei secondi, in una parte qualsiasi del mondo, indipendentemente dall’età o dal sesso, una persona viene colpita da ictus. Come ricorda la dott.sa Milena Cavazzuti, medico neurologo già responsabile della Stroke Unit dell’Ospedale di Baggiovara e vice presidente di ALICe Modena, l’ictus è responsabile di più morti ogni anno di quelli attribuiti all’Aids, tubercolosi e malaria messi insieme. L’ictus rappresenta inoltre la prima causa d’invalidità nell’adulto e la seconda causa di demenza con perdita dell’autosufficienza. L’ictus non è soltanto una malattia dell’anziano: infatti, dei 200.000 nuovi casi di ictus che si verificano ogni anno nel nostro Paese, circa 10.000 riguardano soggetti con età inferiore ai 54 anni.

Alcuni dei fattori di rischio, quali ad esempio sesso, età ed ereditarietà non sono modificabili e quindi non dipendono dal comportamento dell’individuo; altri fattori come la ipertensione arteriosa, il diabete, un’errata alimentazione, l’alterazione dei grassi nel sangue, il fumo ma anche l’abuso di alcool e droga possono danneggiare le arterie in giovane età, predisponendo l’individuo a possibili attacchi di ictus. “La nostra iniziativa ha lo scopo di sensibilizzare le persone sull’importanza della prevenzione e sulla necessità di adottare stili di vita corretti e sani al fine di ridurre il rischio di ictus cerebrale” sottolinea la presidente di ALICe Modena Renata Ferrari. “Da non dimenticare l’importanza del riconoscimento dei sintomi per far giungere al più presto la persona colpita da ictus nei centri ospedalieri attrezzati per le terapie in emergenza disponibili”. Quest’anno l’associazione ha voluto dedicare una particolare attenzione a coloro che assistono i pazienti colpiti da ictus.

A novembre inizieranno gli incontri di un gruppo di auto mutuo aiuto, coordinati da un professionista psicologo, a sostegno dei care givers, per migliorare il loro benessere e quello dei loro famigliari. Le informazioni relative a questa iniziativa e alle altre attività di ALICe Modena sono consultabili al sito:www.alicemodenaonlus.org

CARPI

Anche questo anno ALICe Carpi ha organizzato numerose iniziative con i volontari, soci, personale sanitario di Neurologia e Medicina Riabilitativa per informare e prevenire l’ictus cerebrale. Questa azione nel 2013 si è concretizzata anche sul territorio di Mirandola con l’inizio di una attività preventiva che continuerà in futuro.

Da  quest’anno, tra le diverse iniziative sociali, per  rimarcare l’ importanza  degli stili di vita, è stata proposta anche una cena con cibi vegetariani, ulteriore incoraggiamento al mangiare sano per  ridurre i fattori di rischio per l’ ictus.

Sempre attivi sono i servizi di informazione e assistenza ai malati e familiari con trasporti gratuiti verso i centri di riabilitazione e attività motoria, cosi  come la attività di sportello e una presenza  fissa dei volontari ALICe in concomitanza  delle visite  di  controllo.

Particolare impegno nel sostegno della attività motoria post ictus con fisioterapisti, logopedista e psicologo.

Tutte  queste attività sono rese possibili anche dagli aiuti e contribuzioni della società civile, Amministrazione Comunale, semplici cittadini, Enti e imprenditori sempre benevoli e attenti nei confronti di ALICe Carpi che ringraziamo sentitamente.

Il 29 Ottobre ricorre la giornata mondiale dell’ictus cerebrale, Alice Carpi ripropone i suoi appuntamenti:

Sabato 26 Ottobre medici, infermieri, fisioterapisti e volontari saranno ancora al Centro Commerciale Borgogioioso dalle 9.00 alle 20.00 per informare ed  effettuare  determinazione del colesterolo, glicemia, controllo della pressione arteriosa  con strumentazione avanzata e consiglio medico finale.

Martedì 29 Ottobre, al Cinema-Teatro Corso di Carpi, avrà luogo il consueto spettacolo di autofinanziamento con la BANDA OSIRIS, prestigioso gruppo satirico-musicale, protagonista di fortunate partecipazioni a programmi RAI, nello spettacolo “Fuori Tempo”. L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio del Comune di Carpi.

Chi è interessato potrà contribuire ad ALICe, passando nel contempo una serata divertente; la prevendita è garantita da Radio Bruno consueto e  generoso supporto organizzativo.