IL TERZO SETTORE DA PROPULSORE DEL WELFARE LOCALE A LIEVITO DEL CAPITALE SOCIALE, CIVILE ED ECONOMICO

Posted on
Sabato 12 ottobre 2013 dalle ore 9.00 presso la sede del Forum del Terzo Settore di Via Borri 40 Modena (sede Avis sala Terzo Piano) si terrà L’Assemblea Annuale del Forum del Terzo Settore. Durante l’assemblea si svolgerà un incontro pubblico dal titolo: “Il Terzo Settore da propulsore del Welfare locale a lievito del capitale sociale, civile ed economico”.

Programma

Ore 9.30 Inizio Lavori Albano Dugoni Forum Terzo Settore

Saluti Istituzionali
Maino Benatti Sindaco di Mirandola ed Assessore alle Politiche Sociali dei Comuni Area Nord

Ore 10.00
Intervento Introduttivo: Coesione sociale, sviluppo sostenibile, economia civile:le proposte del gruppo interparlamentare per il terzo settore sui temi prioritari posti dal forum
On. Edoardo Patriarca membro del gruppo interparlamentare per il Terzo Settore

Tavola Rotonda 
Il terzo settore da propulsore del Welfare locale a lievito del capitale sociale, civile ed economico.
Partecipano: Vincenza Rando Ufficio Presidenza “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”
Fabio Campioli Presidente Kabara Lagdaf Associazione Solidarietà per il popolo Saharawy
Massimo Giusti Vicepresidente Fondazione Cassa di risparmio Modena
Coordina Elena Guidetti giornalista

Le organizzazioni del Terzo Settore si sono affrancate da tutte le etichette del passato: parastato,ruota di scorta, partner strategico delle istituzioni. Oggi al pari dello Stato e del Mercato sono in grado e stanno dando un contributo autonomo a nuovi percorsi e processi di sviluppo. I dati del censimento ISTAT ci mostrano un settore no profit resiliente ai colpi della crisi. La crescita delle organizzazioni del Terzo Settore,più occupati,più volontari,più associati, non riguarda solo attività di cura legate al welfare nei servizi alla persona,ed alla organizzazione e pratica del tempo libero, ma anche quelle di salvaguardia e tutela dei territori, dei diritti, della cultura,della legalità.

La crisi a cui ci ha portato il credo economico neoliberista,il turbo capitalismo,i flussi ingovernabili del mercato globalizzato, la crescita spropositata delle disuguaglianze nella società e nel lavoro,la percezione che poi diventa realtà di un inesorabile e lento abbandono dello stato sociale,con pesanti ricadute e carichi sulle famiglie e sui più deboli, ci impongono l’impegno a cercare nuovi modi di fare mercato,economia e società. Nei dibattiti pubblici sono oggi sotto i riflettori i temi, per noi prioritari, della coesione sociale,dell’economia civile e dello sviluppo sostenibile.

L’incontro promosso dal Forum Provinciale muove da queste considerazioni pensando alle risorse ed alle innovazioni,anche sociali, che occorrono per far lievitare ed intraprendere nuove vie verso “l’economia giusta”, tesa alla creazione di valore condiviso. Proseguiamo, con questa giornata, il nostro percorso di approfondimento , per offrire occasioni di confronto alla cittadinanza.

Con fiducia nei nostri percorsi e con uno sguardo sempre aperto verso i compagni di strada. Cercando di essere lievito, arricchire il dibattito politico, ed individuare e offrire luoghi e spazi concreti di incontro e confronto anche tra i diversi portatori di interessi.