PORTOBELLO, GENERATORE DI SOLIDARIETÀ. GIÀ 220 FAMIGLIE LE FAMIGLIE COINVOLTE.

E’ aperto da 3 mesi (precisamente dal 28 giugno 2013) e permette già a 220 nuclei familiari –per un totale di 856 persone- di fare la spesa senza tirar fuori un euro, tutto grazie al perfetto connubio tra mondo del volontariato, imprese responsabili, cittadini e istituzioni. E’ Portobello, l’emporio sociale di Modena, che il 19 e 20 ottobre torna “tra la gente” per una nuova raccolta alimentare nei Conad della città.

Di Chiara Tassi

Sostenere le famiglie modenesi colpite dalla crisi economica ma anche generare un circolo virtuoso tra volontariato e imprese e creare nuove leve per le associazioni di volontariato del territorio. Questi erano in sintesi gli obiettivi di Portobello. E sono stati, per il momento, tutti raggiunti,

Al 24 settembre sono 220 i nuclei familiari che fanno la spesa a Portobello, per un totale di 856 persone. Altre famiglie sono in attesa di poter iniziare a fare la spesa presso l’Emporio, un numero sempre crescente di persone che ha bisogno, ma che può essere aiutata compatibilmente con le scorte di alimenti e materiale presente in magazzino.

Sono 85 i volontari che gestiscono il market ed il magazzino. Tra di loro, 21 sono anche clienti del market. Altri 27 clienti di Portobello svolgono o svolgeranno tra breve una attività di volontariato presso altre associazioni del territorio modenese.

Ma non è tutto: sono state avviate collaborazioni con associazioni ed enti anche per accogliere come volontari detenuti a fine pena, persone con disagio psichico ed altre persone che partecipano a specifici progetti di reinserimento o impegno sociale.

In più Portobello è anche punto di smistamento di generi alimentari per Parrocchie ed altre associazioni che hanno a che fare con gli indigenti. Da settembre, poi volontari – clienti di Portobello, accompagnati da volontari esperti- raccolgono nei frutteti quanto rimasto sugli alberi o a terra dopo il raccolto. La frutta viene poi distribuita ai clienti di Portobello ed alle altre associazioni in un’ottica di risparmio e pieno sfruttamento di quanto disponibile.

Accanto alla principale attività di market alimentare, a Portobello si sta sviluppando anche una comunità di persone che, prendendo spunto dalla crisi, vogliono diventare maggiormente consapevoli nei consumi e responsabili delle proprie scelte: per questo proprio nei locali dell’Emporio ha preso il via questa settimana l’attività di consulenza erogata dalle associazioni dei consumatori a favore dei clienti del market. Il servizio è garantito da Federconsumatori, Adiconsum, Confconsumatori. A breve inizierà poi un servizio di consulenza sul budget familiare erogato da Associazione Progetto Insieme e da professionisti del settore, ed è in fase di definizione la collaborazione con i sindacati per fornire consulenze sui temi del lavoro ed informazioni legate ad opportunità professionali o formative.

Portobello ha permesso anche che nascesse a Modena un nuovo canale di comunicazione tra mondo del volontariato e imprese, che hanno sposato il progetto e deciso di “investire” su Portobello. C’è stato chi ha dato una mano nella realizzazione della struttura e chi lo sta ancora facendo rifornendo di prodotti (con donazioni sporadiche o regolari, oppure con la destinazione di somme ad hoc) gli scaffali del market.

Ma per mantenere in vita Portobello c’è bisogno dell’aiuto di tutti, e così mentre continua la costante ricerca di aziende che vogliano sposare il progetto per garantire continuità e assortimento di merci, dopo l’estate è stata data la possibilità anche ai singoli cittadini e a gruppi (polisportive, cooperative, associazioni) di conferire prodotti direttamente al magazzino dell’Emporio. Inoltre è in programma per il 19 e 20 ottobre un’altra raccolta alimentare –dopo quella di Febbraio organizzata con Rock No War- pro Portobello in tutti i supermercati CONAD di Modena (19 ottobre) e all’ipermercato La Rotonda (19 e 20 ottobre).

I clienti di Portobello sono invitati a partecipare con attività di volontariato per la buona riuscita della raccolta. Per informazioni e per fornire la propria disponibilità contattare lo 059/7132476