IN 11MILA PER UNA LEGGE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Posted on
Sono già 5 i casi di femminicidio in regione dall’inizio dell’anno, e non passa giorno che fidanzati o ex, mariti o ex mariti o anche semplici uomini violenti e possessivi non vengano denunciati dalle forze dell’ordine per stalking. Ma è ora di dire basta, e l’Emilia Romagna lo fa consegnando venerdì 19 luglio 11mila firme in Regione a Bologna, firme di altrettanti cittadini che hanno detto no alla violenza sulle donne.

Tutti insieme -cittadini, associazioni, politici e non-  hanno messo nero su bianco nome e cognome per dire BASTA ALLA VIOLENZA SULLE DONNE. 3.300 le firme raccolte solo nel modenese (11mila se si considera l’intera regione) e che verranno consegnate domani alla Presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna Palma Costi da una delegazione proveniente da tutta la Regione. Alla cerimonia parteciperà anche la vice-ministra con delega alle pari opportunità Maria Cecilia Guerra, che è stata tra le prime firmatarie della proposta.

Nel piazzale antistante la sede del Consiglio regionale la cerimonia di consegna delle firme prevede un flash mob gioioso e festante  per l’importante e significativo risultato raggiunto: sono state raccolte infatti più del doppio delle firme necessarie secondo lo Statuto regionale. Disposti in un semicerchio, che si trasforma in una freccia in direzione dell’ingresso del Palazzo della Regione, i partecipanti (vestiti di bianco e di rosso) si passeranno le firme raccolte fino ad arrivare all’ingresso della Regione. Alla consegna sono invitate tutte le donne e gli uomini che ritengono non più tollerabile questo disinteresse delle istituzioni italiane nel programmare azioni concrete e diffuse di contrasto, ma soprattutto di prevenzione del fenomeno.