GIOVANI TRA DIRITTI E FUTURO

Posted on
Ragazzi modenesi a confronto con gli amministratori locali su esperienze e idee di cittadinanza giovanile a partire da percorsi di formazione e inserimento occupazionale, ma anche per un dialogo aperto sul tema dei diritti comuni. Sono alcuni dei temi al centro degli incontri in programma in questi giorni al parco XX Aprile a Modena dove fino al 15 giugno si svolge “Ricreazioni: giovani tra diritti e futuro”, laboratori, attività sportive, giochi e performance artistiche e dibattiti. L’iniziativa è promossa dal Tavolo di Coordinamento dei Centri di aggregazione giovanile assieme ad assessorato Politiche Giovanili del Comune, in collaborazione con Provincia e Regione Emilia-Romagna.

“Il ruolo rinnovato dei Centri di aggregazione che offrono ai giovani occasioni di incontro insieme a proposte educative – afferma l’assessore alle Politiche giovanili Fabio Poggi – va incontro all’esigenza di relazioni positive in grado di rendere i giovani più fiduciosi nel futuro e quindi propensi ad agire e a partecipare nonostante la condizione di precarietà in cui si trovano a vivere”.

Venerdì 14 giugno il pomeriggio a cura di Alchemia sarà per tutti sui pattini, mentre è dedicato all’eredità trasmessa alle attività di doposcuola e sostegno scolastico dall’esperienza di Don Milani e della scuola di Barbiana l’incontro delle 18 con l’assessore all’Istruzione Adriana Querzè. Dopo torneo di calcetto e premiazione, alle 21 lo spettacolo “Adolescenti” è della Compagnia stabile Scuola d’Arte Talentho.

Sabato 15 giugno Ricreazioni si contamina con la sagra della parrocchia di San Giovanni Evangelista per un pomeriggio con giochi d’acqua, di una volta e torneo di bocce. Inoltre, nelle tre mattinate dalle 9 alle 13 parco XXII Aprile ospiterà la selezione del bando “Trasparenze. Visioni attraverso il contemporaneo” a cura del Teatro dei Venti, mentre le News di Ricreazioni saranno a cura del gruppo del giornalino “Siamo ragazzi” che dedicherà un numero speciale all’evento.

Del Tavolo di Coordinamento fanno parte: associazioni Alchemia, Animatamente, Arci, Città e Scuola, Gavci, cooperativa Girasole, Get Il Ponte della cooperativa Don Bosco, Fondazione S. Filippo Neri; Pastorale Diocesana Giovanile e Comune di Modena attraverso gli assessorati alle Politiche giovanili, all’Istruzione, alle Politiche sociali e l’Ufficio politiche delle sicurezze.