GIORNATA MONDIALE SENZA FUMO. TANTE INIZIATIVE A MODENA E PROVINCIA PER DIRE ADDIO ALLE SIGARETTE

Posted on
Se riesci a sconfiggere il fumo, non c’è niente che tu non possa fare. Gli ex-fumatori sono più in salute, si sentono più giovani e hanno più fiducia in se stessi. Inoltre, hanno un aspetto e un profumo migliori, hanno più soldi e sono più positivi. In poche parole: gli ex-fumatori sono irresistibili!”.
E’ questo il messaggio – ironico e che allo stesso tempo sottolinea i vantaggi di smettere di fumare –  della campagna di sensibilizzazione per contrastare l’abitudine tabagica che prevede tantissime iniziative per celebrare la “Giornata mondiale senza fumo” in programma venerdì 31 maggio.

Ci saranno stand informativi con misurazione del monossido di carbonio nel respiro e consulenze per fumatori e non fumatori, seminari, incontri pubblici, mostre, allestimenti e anche la consegna del simpatico bavaglino “Tutta vita, niente fumo” ai genitori dei nuovi nati. Le attività si svolgono nell’ambito della campagna “Ex smokers”, promossa dalla Commissione Europea, che offre anche un aiuto per smettere di fumare tramite “iCoach”, una piattaforma online gratuita di educazione alla salute. Le iniziative rappresentano, inoltre, l’occasione per diffondere la conoscenza dei Centri Antifumo attivi in provincia, ai quali è possibile rivolgersi per avere il sostegno utile per smettere di fumare.
 
 
Le iniziative

La campagna, sostenuta dalla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria, è realizzata sul territorio modenese da Azienda USL e Policlinico, insieme a LILT, Associazione Gli Amici del Cuore e ANT, con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale-Ufficio XII Modena, Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Ordine dei Farmacisti, Farmacie Comunali di Modena SpA e Federfarma Modena. Verranno diffusi materiali informativi e gadget della campagna presso le sedi di servizi sanitari, enti locali, biblioteche, associazioni partecipanti e nei luoghi ad alta affluenza di pubblico. Nei punti nascita degli ospedali di tutta l’Emilia-Romagna (per la provincia di Modena al Policlinico e negli ospedali di Carpi, Mirandola, Sassuolo e Pavullo) viene distribuito ai genitori dei nuovi nati un bavaglino con lo slogan “Tutta vita, niente fumo” che caratterizza gli interventi di contrasto al tabagismo messi in atto nel territorio regionale. La consegna del bavaglino ai genitori, che avviene da parte del personale sanitario, è accompagnata
dalla distribuzione di apposito materiale informativo e sottolinea l’importanza di offrire al proprio bambino un ambiente sano e libero dal fumo.

Dopo i primi eventi che si sono svolti a partire da metà maggio, molte sono le iniziative specifiche previste in provincia di Modena che si concentrano a fine mese e in giugno. Venerdì 31 maggio, il personale del Centro Antifumo Interdipartimentale del Policlinico di Modena presidierà l’atrio dell’ingresso 1 (dalle 9.00 alle 18.00) per informare le persone dei rischi connessi al fumo di sigaretta, informare sull’attività dei Centri antifumo, offrire counselling per aiutare le persone a porre fine alla loro dipendenza da tabacco e consegnare l’opuscolo con i 10 consigli per smettere di fumare. Verranno poi svolti piccoli test, come la misurazione del monossido di carbonio e della pressione arteriosa dei tabagisti. Infine verrà presentata ai partecipanti la sperimentazione “Ruolo della subunità alpha6 del recettore nicotinico nella dipendenza da tabacco”, iniziata nel 2011, nell’ambito del bando ministeriale per la ricerca finalizzata, che tra i suoi scopi ha quello di indagare meccanismi biologici della dipendenza e quindi anche il legame tra dipendenza dall’alcol e dipendenza dal fumo. All’Ospedale di Sassuolo ci  sarà uno stand informativo con distribuzione di gadget e materiale della campagna “Gli ex fumatori sono irresistibili” a cura del personale del Centro Antifumo del Distretto di Sassuolo e dell’Unità Operativa di Pneumologia dell’Ospedale. Presso la Biblioteca di Vignola – dove è allestita la mostra sul materiale delle campagne degli anni passati – dalle 15.00 alle 18.00 sarà allestito un punto informativo con distribuzione di materiale e racconti di ex fumatori sulla personale esperienza di abbandono della sigaretta. Seguirà un aperitivo analcolico “No Smoking” presso la Caffetteria Fiona. Alla Scuola media di Guiglia, verranno distribuiti gli adesivi “Mi metto in evidenza scelgo di non fumare” da parte degli studenti delle classi 3A e 3B.
Sabato 1 giugno a Modena al Centro Commerciale La Rotonda, alle ore 10.30, è in programma la premiazione del concorso a premi per diventare non fumatori “Scommetti che smetti?” 2013. Sabato 8 giugno alle 20.00 a Marano sul Panaro, in piazza Matteotti, nell’ambito della festa di fine anno scolastico verranno premiati gli alunni della scuola media Quasimodo, vincitori per la provincia di Modena del concorso regionale di prevenzione del tabagismo “Liberi di scegliere”. Sabato 15 giugno dalle 10.00 alle 24.00 a Pavullo ci sarà uno stand informativo su corretti stili di vita, nell’ambito della “Fiera dell’Economia Montana”, a cura degli operatori sanitari del Distretto di Pavullo, del Servizio Medicina dello Sport e della Casa di Cura “Villa Pineta”.

In provincia di Modena 167mila fumatori

Secondo il rapporto PASSI  2009-2012 – il sistema di monitoraggio della salute della popolazione adulta che effettua analisi a campione – in provincia di Modena il 29% degli abitanti di età compresa tra 18 e 69 anni fuma sigarette, stima che corrisponde ad oltre 167 mila persone. Il 22% è un ex-fumatore (127mila persone circa) e il 49% non ha mai fumato. In provincia di Modena il 37% dei fumatori ha dichiarato di aver provato a smettere di fumare negli ultimi 12 mesi; tra questi, la maggior parte (85%) ha ripreso a fumare, l’11% non fuma più da meno di sei mesi (cioè è un fumatore in astensione) e il 4% ha smesso da più di 6 mesi. Le stime suggeriscono che la propensione a smettere di fumare aumenti con l’età, sia maggiore tra le persone con un alto livello d’istruzione e tra quelle senza difficoltà economiche. L’abitudine al fumo cresce con l’età fino ai 34 anni. In provincia di Modena tra gli adulti 18-69enni la percentuale di fumatori è più alta negli uomini (34% rispetto al 24% nelle donne), mentre negli under 18 non si rilevano significative differenze di genere.

Il fumo passivo continua a essere un problema importante. Si stima che circa metà (48%) degli intervistati non fumatori sia esposto, anche solo occasionalmente, al fumo passivo e che per il 18% l’esposizione avvenga con alta frequenza. Un intervistato su quattro (25%) ha dichiarato che nella propria abitazione è permesso fumare (nel 18% limitatamente ad alcune stanze o situazioni e nel 7% ovunque).

Il fumo favorisce l’insorgere di diverse patologie tra le quali possiamo ricordare il tumore al polmone, la broncopatia cronico ostruttiva, le ostruzioni dei vasi sanguigni, la predisposizione all’osteoporosi, il cancro alla vescica, il cancro alla laringe, il cancro allo stomaco. Per i maschi, aumenta il rischio di impotenza e infertilità, per le donne al tumore della cervice uterina. In Italia – dove si stima che vi siano 11,6 milioni di fumatori (circa il 20% della popolazione) dei quali 7,1 milioni sono uomini – nel 2012 sono state 38.500 le nuove diagnosi di tumore al polmone, il 25% di questi sono femminili (con una crescita di +60% in dodici anni).

I centri antifumo

Sono otto i Centri Antifumo della provincia di Modena. Ai sette dell’Azienda USL (Carpi, Castelfranco, Mirandola, Modena, Pavullo, Sassuolo e Vignola), si aggiunge il Centro Antifumo Interdipartimentale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, che mira soprattutto ad intercettare i dipendenti dell’Azienda, gli studenti e i pazienti dimessi o in cura ambulatoriale, indipendentemente dalla patologia. Nell’anno 2012 i Centri Antifumo della provincia di Modena hanno realizzato 17 corsi per smettere di fumare, cui hanno partecipato 219 utenti. Ai corsi si aggiunge l’attività di ambulatorio individuale presente a Carpi. Circa la metà dei partecipanti conclude il corso (12 sedute) con l’astinenza completa dal fumo di sigaretta. I dati raccolti segnalano che, a distanza di un anno, l’astinenza è mantenuta da oltre il 30% dei partecipanti.

Per informazioni sulla campagna e sui Centri Antifumo: www.ppsmodena.it/fumo