DALLE MORTI SUL LAVORO ALLA PRECARIETÀ IN MUSICA

Posted on
La Tenda di viale Molza (angolo Monte Kosica), che ha dedicato la stagione alla precarietà nelle sue innumerevoli sfaccettature, conclude la programmazione invernale con una settimana incentrata sul tema del lavoro e del disagio sociale, che culminerà sabato 25 maggio con la finale del concorso musicale Note in Bilico.

Nella struttura gestita dall’assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Modena, venerdì 24 maggio alle 21 la serata di letture propone “Il costo della vita. Storia di una tragedia operaia” di e con Angelo Ferracuti, un’inchiesta per riflettere sul tema delle morti sul lavoro. Mentre alcuni operai stavano ripulendo le stive della Elisabetta Montanari, nei cantieri navali Mecnavi di Ravenna, e altri colleghi tagliavano e saldavano lamiere, una scintilla provocò un incendio: le fiamme si propagarono rapidamente e tredici lavoratori morirono asfissiati dalle esalazioni.
Dopo venticinque anni, Angelo Ferracuti torna sul luogo della tragedia per ricostruirne gli eventi e non si limita a parlare con i vigili del fuoco che portarono fuori i cadaveri, con i medici del 118, con gli infermieri, i sindacalisti, con il cardinale Tonini che pronunciò l’omelia funebre; si avvicina anche a chi è rimasto, incontrando le famiglie delle vittime, per conoscerle e per capire come si può sopravvivere al “dopo”.

Sabato 25 maggio alle 21 l’appuntamento alla Tenda è con la finale del concorso Note in Bilico, promosso dall’assessorato alle Politiche giovanili del Comune attraverso il Centro musica, che ha chiesto a musicisti e band di confrontarsi attraverso la musica con il tema della precarietà, da quella lavorativa al quella affettiva e di vita. Tra gli oltre trenta pervenuti sono stati selezionati i cinque migliori testi e le relative band. I Remida, gli Over, i Settembre Adesso, gli Undercover Brothers e i Reverve hanno partecipato nei mesi di marzo, aprile e maggio al laboratorio “Music factory: dal testo al suono, l’arrangiamento di un brano musicale” condotto dal musicista Alex Class.

Sabato si svolgerà il Live Contest finale e durante il concerto una commissione sceglierà i tre vincitori del concorso. Una sezione speciale del concorso è riservata agli studenti del Liceo Musicale Sigonio, che hanno partecipato inviando testi da loro composti, sul tema della precarietà.

Domenica 26 maggio alle 20.30 la Tenda ospita il live dell’Accademia della Musica Moderna Live. Nel saggio di fine anno le “band” degli allievi di tutte le classi di strumento e canto, formate appositamente per questa manifestazione, si esibiranno in una maratona di circa una ventina di brani musicali del repertorio classico e moderno nei generi che vanno dal pop al Jazz. Non sono escluse esibizioni dei docenti prima, durante o dopo il concerto. Sarà l’occasione per gli allievi di dimostrare le proprie abilità e verificare i progressi ottenuti nell’arco dell’anno accademico.

Infine, lunedì 27 maggio alle 21 la struttura di viale Molza ospita “Tenda@work”, lezione a porte aperte sulle Arti Circensi. Gli allievi del Laboratorio di Arti Circensi, che si è tenuto alla Tenda, presentano al pubblico lo spettacolo nato da quell’esperienza. Fino al 27 maggio nello spazio espositivo della Tenda sarà inoltre possibile visitare la mostra “Dammi Spazio: il volontariato raccontato a fumetti”.

Per informazioni: tel. 059 214435, www.latenda.mo.itwww.facebook.com/latendalatenda@comune.modena.it