UN PROGETTO PER CRESCERE: A VIGNOLA CON IL CAMPO DI PROTEZIONE CIVILE PER I RAGAZZI

Posted on
Anche quest’anno, sabato 16 e domenica 17 marzo, per i ragazzi delle classi quarte degli Istituti Superiori di Vignola si presenta l’opportunità di partecipare al Campo di Protezione Civile.

Due giornate organizzate dagli enti e dalle associazioni di volontariato territoriali -tra cui la Pubblica Assistenza di Vignola, Associazione Nazionale Alpini, Gruppo Intercomunale Volontari Protezione Civile Unione Terre di Castelli, Agesci, Lam, Cinofili, Associazione Nazionale Carabinieri e Centro Servizi Volontariato di Modena- durante le quali i ragazzi saranno impegnati sui temi che riguardano la cittadinanza attiva e la Protezione Civile. Nel corso del weekend, dedicato al civile appunto, i partecipanti saranno coinvolti in attività ed esercitazioni pratiche di rischio idraulico, anti incendio boschivo, ricerca dei dispersi, radiocomunicazioni, soccorso sanitario e attività cinofile.

“Rispetto agli anni passati abbiamo avuto molte più adesioni a questo progetto –spiega la coordinatrice del progetto Silvia Prampolini del Centro Servizi Volontariato di Modena –  sicuramente l’esperienza del terremoto dell’anno scorso ha portato ad una maggior consapevolezza da parte dei ragazzi del rischio sempre imminente, e quindi ciò ha incrementato il numero delle domande di iscrizione. Al la di questo, poi, nelle scuole di Vignola, come associazioni di volontariato locali, CSV  ed ent da tempo cerchiamo di sensibilizzare i ragazzi alla cittadinanza attiva con progetti formativi ed interventi nelle classi. E i frutti si vedono”.

Da anni questi campi pratici vengono organizzati nelle scuole superiori delle varie località del modenese e si è potuto constatare come i ragazzi che hanno aderito al progetto si sono rivelati, in seguito, più disponibili e preparati nel periodo successivo al terremoto.

Un campo utile e coinvolgente, possibile grazie al Progetto “Volontari si cresce” finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e al progetto “Giovani cittadini responsabili” finanziato dal fondo speciale per il volontariato anno 2012,  che ogni anno richiama alla raccolta sempre più ragazzi, tanto che quest’anno sono già più di una settantina solo sul territorio di Vignola.

Chiara Bersanetti