COABITARE A MODENA: UN INNOVATIVO PROGETTO DI CONVIVENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

Posted on
Un nuovo modello di assistenza, più sensibile alle esigenze della persona e più conveniente dal punto di vista economico, per assicurare alle persone anziane in condizioni di salute fragile o non autosufficienti una qualità di vita alta. Questo è il mirabile intento perseguito dalle associazioni di volontariato Auser Modena, G.P. Vecchi, Alice, Anteas, Parkinson Modena e Ancescao che stanno lavorando ad un innovativo progetto di co-abitazione a Modena.

di Laura Solieri

“Il progetto sperimentale contempla una presenza massima di 4, 5 ospiti  per uno spazio che dovrà essere gestito direttamente dai famigliari, in cui queste persone condivideranno ambienti comuni come la cucina ed il soggiorno mantenendo camere singole e personalizzabili” spiega Enio Concari, presidente della G.P. Vecchi Modena.

“Gli ospiti e i loro famigliari potranno usufruire della collaborazione di volontari e operatori delle associazioni in misura conforme alle risorse a disposizione e queste disponibilità ci incoraggiano nel proseguire nell’elaborazione del progetto, perché sono fondamentali per il raggiungimento dell’obiettivo.
Familiari, volontari ed eventuali operatori  – prosegue Concari – avranno in carico la gestione della struttura, potranno partecipare a tutte le fasi della giornata (grazie ad un’apertura continua che offre la possibilità di fare visita e di vivere accanto agli ospiti) e contribuiranno alla vita quotidiana della casa in base alle loro competenze e disponibilità.

Ad oggi  – conclude Concari – abbiamo raccolto l’adesione di 5 famigliari che sono interessati alla cosa: al momento stiamo effettuando un’indagine di fattibilità il cui risultato stabilirà il mantenimento o l’estensibilità ad altri gruppi del nostro progetto, che è e coordinato dal Csv Modena e realizzato in collaborazione con il Comune di Modena e la Ausl di Modena. Chiunque fosse interessato può scrivere al Csv per ottenere maggiori informazioni“.

Per aderire e/o saperne di più scrivici a info@volontariamo.it