LA SCIATRICE VIRGINIA DE MARTIN IN VISITA AL REPARTO DI PEDIATRIA DELL’OSPEDALE CIVILE DI SASSUOLO

Posted on
Il 1° novembre Virginia De Martin, sciatrice di punta della Nazionale di sci italiana sarà a Modena in occasione di Sky Pass e su invito di !Ridere per Vivere- Emilia Romagna onlus! farà visita al reparto di pediatria dell’Ospedale Civile di Sassuolo.

!Ridere per Vivere- Emilia Romagna onlus! è un’associazione socio-sanitaria-culturale che opera da  12 anni sul territorio emiliano e dal 2006  è attiva nel reparto di pediatria dell’Ospedale Civile di Sassuolo con interventi bisettimanali. I volontari clown, opportunamente formati e con la collaborazione del personale ospedaliero, eseguono interventi mirati a cambiare profondamente in positivo le emozioni dei piccoli pazienti e dei loro familiari.

L ‘Associazione inoltre collabora con l’ospedale anche in occasioni speciali quali, ad esempio, il tradizionale giro degli auguri in tutti i reparti il giorno della Vigilia di Natale e affianca Babbo Natale durante la consegna dei doni ai bambini ricoverati. Nel 2010 e nel 2011 i volontari clown hanno accompagnato in reparto una rappresentanza della squadra del Sassuolo Calcio.

Il 1° novembre a far visita al reparto e ai bambini ricoverati insieme ai volontari dell’associazione sarà una sciatrice: Virginia De Martin.

Classe 1987, Virginia De Martin è una delle atlete di punta della squadra azzurra. Arruolata per la Forestale dal 2008, la fondista si sta preparando con determinazione per l’inverno e per i prossimi Mondiali che si terranno in Italia a febbraio in Val di Fiemme. Splendido bronzo alle Universiadi del 2011 nella 5KM classica, campionessa italiana nella stessa specialità, Virginia punta ora a risultati importanti anche ai Mondiali in Italia per i quali si sta preparando accuratamente.

!Ridere per vivere! ringrazia l’ospedale e il personale del reparto pediatrico per la disponibilità finora dimostrata ad accogliere l’associazione nel suo operato settimanale e nell’ambito di questa iniziativa particolare.