SPRECHI ALIMENTARI E SOLIDARIETÀ. SE NE PARLA A PARMA

Posted on
Ogni anno in Italia finiscono tra i rifiuti dai 10 ai 20 milioni di tonnellate di prodotti alimentari, per un valore di circa 37 miliardi di euro. Cibo che basterebbe a sfamare, secondo la Coldiretti, circa 44 milioni di persone. Di questo e delle esperienze di solidarietà che anche in Emilia Romagna stanno nascendo si parlerà Lunedì 15 ottobre a Parma, in un seminario ad hoc.

I dati sullo spreco alimentare in Italia lasciano senza parole. Da quelli di Coldiretti allo studio di Andrea Segrè e Luca Falasconi – Libro nero dello spreco in Italia, secondo cui si spreca il 25% del cibo prodotto – emerge il ritratto di un paese che sperpera risorse preziose, dalla terra alla tavola, passando per la distribuzione. Ma il Terzo Settore si sta muovendo.

Di questo e di tanto altro si parlerà a Parma Lunedì 15 ottobre, dalle 9.30 nella Sala conferenze del Palazzo della Pilotta (Voltoni del Guazzatoio)  nel corso del seminario “Sprechi alimentari e diritto al cibo. Esperienze di solidarietà e strategie per migliorare l’efficienza della catena alimentare in Europa, in Italia, in Emilia Romagna”.

Tre, principalmente, gli obiettivi del seminario:
– Sostanziare il legame fra il tema degli sprechi alimentari e il tema del diritto al cibo: secondo dati FAO, oggi 940 milioni di persone soffrono la fame, mentre, secondo le stime, quasi il 50% di cibo sano e commestibile si perde lungo tutti gli anelli della catena agro-alimentare, dal campo al consumatore.  La quantità è tale che basterebbe per nutrire 3 miliardi di persone.

 Valorizzare le esperienze di solidarietà che sono attualmente attive nella lotta agli sprechi alimentari, nella raccolta e nella distribuzione di alimenti a persone in difficoltà, con le relative normative di riferimento.

– Impattare sul territorio sia a livello regionale che locale: l’evento vuole essere un momento di incontro fra i vari soggetti del territorio regionale che si occupano di raccolta e distribuzione degli sprechi alimentari, per avviare la costruzione di una rete virtuosa (aperta, solidale anche al suo interno), che sappia confrontarsi e condividere le strategie di azione, che sappia raccontare in modo trasparente ed efficace.

PROGRAMMA:
Apertura ore 9,30
Teresa Marzocchi, Assessore Politiche sociali Regione Emilia Romagna
Marcella Saccani, Assessore Politiche sociali Provincia di Parma
Roberto Berselli, Rappresentante Rete Centoperuno

Worhshop paralleli ore 10,30
1. Imprese: efficienza, riduzione degli scarti e recupero dei sottoprodotti nella filiera alimentare.
Workshop condotto da Alessandro Arrighetti, Facoltà di Economia Università di Parma

2. Istituzioni ed enti locali: come sostenere la lotta agli sprechi alimentari e sistemi efficienti e trasparenti di raccolta e distribuzione?
Workshop condotto da Salvatore Caronna, Europarlamentare e Teresa Marzocchi, Assessore Politiche Sociali Regione Emilia Romagna

3. Esperienze e pratiche di raccolta e distribuzione degli scarti, presenti sul territorio regionale. Come costruire patti/reti solidali? Come costruire filiere distributive trasparenti?
Workshop condotto da Luca Falasconi, Last Minute Market – spin off accademico Università di Bologna e Tristram Stuart, autore di “Sprechi”, ed. Mondadori

ore 13,30 Mangia lo spreco: buffet con gli sprechi di giornata

Relazioni
ore 14,30 Sprechi: quale relazione con l’accesso al cibo?
Luca Falasconi, Last Minute Market – spin off accademico Università di Bologna

ore 15,10 Sprechi: ridurli è possibile!
Tristram Stuart, autore di “Sprechi”, ed. Mondadori

ore 16,00 Sprechi: la riduzione nelle filiere agroindustriali
Alessandro Arrighetti, Facoltà di Economia Università di Parma

ore 16,20 Sprechi: le politiche comunitarie a contrasto
Salvatore Caronna, parlamentare europeo

ore 17,00 dibattito e chiusura
Fulvia Cavalieri, Rete Cibopertutti

In collaborazione con rete Centoperuno-Emporio, Banco Alimentare, Caritas Regionale, Assessorato politiche sociali Regione Emilia Romagna.

Info e iscrizioni: info@kuminda.org
L’iscrizione è obbligatoria e ancora aperta!