PIANO DEGLI INTERVENTI PER IL 2012: STANZIATI DALLA REGIONE 600MILA EURO

Posted on
Piano per gli interventi economici destinati al sostegno e alla qualificazione dei soggetti operanti nel Terzo settore per l’anno 2012. Quasi 600 mila euro destinati a cooperative sociali, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale

Un unico Piano per il 2012 per gli interventi economici destinati al sostegno e alla qualificazione dei soggetti operanti nel Terzo settore, per consentire al meglio la programmazione e la realizzazione degli interventi. Lo ha deciso la Giunta regionale che ha approvato la delibera che stanzia circa 600 mila euro e che si rivolge a cooperative sociali iscritte nell’albo regionale, alle organizzazioni di volontariato, alle associazioni di promozione sociale anche con il coinvolgimento delle Amministrazioni provinciali nelle loro funzioni di coordinamento e sostegno di questo settore.

“Vogliamo continuare a sostenere le esperienze del Terzo settore in Emilia-Romagna, anche nell’attuale situazione di cambiamento sociale ed economico e di inevitabile contrazione delle risorse – ha detto l’assessore regionale alle Politiche sociali, Teresa Marzocchi – In questo contesto il Terzo settore sarà come sempre all’altezza di porsi nuove sfide e nuove priorità, come ad esempio riuscire ad avvicinare il mondo giovanile, per favorire il ricambio generazionale e non disperdere le esperienze maturate ma al contrario mettere a sistema questo grande patrimonio, che nel nostro territorio ha contribuito a dare maggiore stabilità al nostro sistema sociale”.

Per quanto riguarda le cooperative sociali, il Piano dà priorità a quelle che hanno alle proprie dipendenze lavoratori in condizione di fragilità e svantaggio. Una scelta dettata dall’evidenza che nell’attuale situazione economica ed occupazionale queste realtà rappresentano una risorsa insostituibile per le fasce più deboli della popolazione, che già in situazione non di crisi hanno normalmente grandi difficoltà di accesso al mercato del lavoro.

Per le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale di rilevanza regionale il Piano ha scelto di valorizzare soprattutto le azioni di sensibilizzazione dei giovani alle attività di solidarietà, di pubblica utilità e di servizio civico, azioni che possano dare ai ragazzi la possibilità di migliorare le proprie attitudini e allo stesso tempo dare anche un servizio alla propria comunità. Un orientamento che tiene conto delle emergenze sociali che segnano le nostre realtà territoriali, non da ultime quelle provocate dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio. Parte proprio dalla volontà di offrire un’esperienza educativa e di impegno positivo del tempo libero la proposta di servizio civico rivolta a tutti i giovani senza distinzione di titoli e competenze, di sesso o di appartenenza culturale o religiosa, di ceto, di residenza o di cittadinanza. Potranno essere oggetto di finanziamento progetti finalizzati alla sensibilizzazione dei ragazzi per favorire la partecipazione sociale attiva, ma anche progetti che diffondano buone prassi, nuove modalità di approccio ai problemi e che valorizzino il lavoro di rete e le sinergie fra soggetti diversi.

Alle Amministrazioni provinciali il Piano assegna il compito di realizzare le iniziative concordate con le associazioni di volontariato operanti nel proprio territorio ed iscritte nei registri del loro territorio. Parte delle risorse regionali dovranno ancora sostenere l’attività degli sportelli informativi e di consulenza rivolte alle piccole Associazioni di promozione sociale per permetterne valorizzazione e sviluppo.

Le domande delle organizzazioni di volontariato dovranno essere trasmesse alla Regione Emilia-Romagna entro il 16 ottobre tramite i Centri di servizio provinciale.

I progetti delle associazioni di promozione sociale dovranno pervenire invece entro il 30 settembre .

L’elenco dei progetti approvati sarà pubblicato sul BURERT e sul sito internet della Regione all’indirizzo http://sociale.regione.emilia-romagna.it e comunicato per iscritto alle organizzazioni interessate.